Oxfam Italia: sviluppo, emergenza e campagne di opinione
contro l’ingiustizia della povertà nel mondo

The power of people against poverty

This span fixes the IE duplicate content bug. Do not remove this, or the text area under the nav will display duplicate p content from above and break the layout

Brasile, valorizzare la frutta tipica

Intervista a Mauriléa Muniz Palheta

Mauriléa lavora da giugno come segretaria per il progetto “Frutta tipica". Credits: Alessandro Ugolini/OxfamItalia

Maurilea

Mauriléa lavora da giugno come segretaria per il progetto “Frutta tipica e valorizzazione delle cooperative locali”. Figlia di piccoli agricoltori, ha sviluppato importanti conoscenze nelle aree di gestione, informatica e elaborazione di progetti grazie ai corsi di formazione realizzati lo scorso anno con Oxfam Italia.


Parlaci della tua cooperativa
Sono socia di COFRUTA (Cooperativa dei frutticoltori di Abaetetuba), che è nata a partire dalla necessità di valorizzare i prodotti degli agricoltori familiari nel municipio di Abaetetuba, che hanno risentito della svalutazione dei prodotti come acai, cupuaçu  e altri frutti locali caratterizzati dai semi oleosi.

Cosa è cambiato con la creazione della cooperativa?
Prima cupuaçu e acai venivano venduti su piccola scala per la strada e la maggior parte della produzione era venduta a intermediari a prezzi ridicoli nelle fiere del paese ad un prezzo molto più elevato.
Con la creazione della cooperativa, nel 2002, la situazione è cambiata, migliorando la vita sociale ed economica di circa 100 famiglie. Oggi la cooperativa ha una piccola fabbrica, dove si lavora una parte dei prodotti dei soci, trasformandoli in polpa e marmellata e si vendono al mercato locale e regionale mentre l’eccedenza fresca, che è la maggior parte, si vende direttamente alle altre fabbriche dello stato del Parà.

Come hai trovato questo lavoro?
Io partecipo al programma di formazione in gestione delle cooperative PROFOR che vuole formare i figli dei produttori rurali in gestori di cooperative per contribuire al proprio sviluppo.
Ho deciso di partecipare perchè ne ho sempre desiderato capire di più sul cooperativismo, che era una cosa nuova per me, che desideravo conoscere; i miei fratelli che erano già soci della cooperativa erano felici di quello che facevano, questo mi ha motivato ad aderire e partecipare ogni giorno all’organizzazione a cui partecipava la mia famiglia. In quel momento avevo finito il liceo e non avevo prospettive di continuare a studiare, questa opportunità è venuta in un buon momento, e la mia famiglia mi ha incoraggiata.

Cosa è cambiato nella tua vita?
Molte cose sono cambiate a partire dal momento in cui ho cominciato a partecipare al corso, perchè ho cominciato a partecipare attivanmente alla vita della cooperativa, contribuendo al suo processo di organizzazione, facendo lavoro sul campo e nell’organizzazione della produzione.
Anche attraverso questo programma di formazione sto contribuendo alla gestione di una’associazione e sono stata recentemente assunta da Oxfam Italia per lavorare nell’ufficio della ONG ad Abaetetuba. Il programma ha contribuito anche all’organizzazione e alla legalizzazione delle altre cooperative di produttori il cui stato della produzione era assai disorganizzato.

A cura di Alessandro Ugolini, Oxfam Italia

Aiuta Maurilea e gli altri produttori a uscire dalla povertà. Dai il tuo contributo.