Migranti costretti a fuggire

In fuga dalla guerra, dalla povertà, dalle violazioni dei diritti e dall’umiliazione

Dopo la chiusura delle frontiere in Nord Europa e dopo l’accordo UE-Turchia, sono oltre 50.000 i migranti, – in fuga da guerra e povertà – rimasti bloccati in Grecia e costretti a vivere in centri di detenzione, edifici abbandonati o campi improvvisati.