Dar da bere (e speranza) ai rifugiati del campo di Gambella

Dar da bere (e speranza) ai rifugiati del campo di Gambella
15 Maggio 2018

Stefania Morra

7 maggio, Gambella. Un’ora d’aereo da Addis Abeba, nell’Etiopia occidentale, a circa 110 km dal confine con il Sud Sudan, sopra una terra estesa, in mezzo a un caldo insopportabile, dove tutto, a partire dalle case, sembra parlare di fatica e incertezza. Certo le stelle sono tante, milioni di milioni, ma anche quando fai la tua parte, sembra che l’anima vada in riserva e il cuore non parta, e che tutto sommato non ci sia molto da capire.

L’intervento realizzato da Oxfam nel quadro del progetto Miglioramento dell’approvvigionamento idrico e delle condizioni igieniche nel campo profughi di Nguenyyiel, Gambella (Etiopia) è finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, e altri donatori.

Vai all'articolo