I migranti in Sicilia: l’impegno di Oxfam

Dal 2015 Oxfam lavora in Sicilia orientale in collaborazione con partner e organizzazioni locali per:

  • rafforzare le capacità di risposta all’emergenza migranti
  • sostenere i rifugiati ospitati a Catania, Milazzo, Scicli e Siracusa nelle attività di assistenza legale, psicologica e sanitaria.

OpenEurope – Risposta umanitaria per la tutela dei diritti e l’accesso ai servizi di migranti e rifugiati

Diamo assistenza legale, psicologica e sanitaria ai migrantiOpenEurope è un intervento di protezione e supporto legale volto a promuovere l’accesso ai diritti e ai servizi per rispondere ai bisogni primari di migranti e richiedenti asilo in condizione di maggiore vulnerabilità che si ritrovano esclusi dal sistema di protezione e accoglienza.

A giugno 2018, insieme ai nostri partner, abbiamo dato supporto a 4.358 persone di cui:

  • 2.014 aiutate dai team mobili di Oxfam in Sicilia
  • 1.341 aiutate dai team mobili di Oxfam e Diaconia Valdese a Ventimiglia (da settembre 2017).

Per raggiungere questo obiettivo Oxfam lavora con organizzazioni partner esperte in assistenza legale e con le associazioni sul territorio per fornire un sostegno immediato.

 

La storia di OpenEurope

Nato nel maggio 2016, il programma OpenEurope è realizzato da Oxfam Italia in partenariato con Diaconia Valdese, Borderline Sicilia, Arci Porco Rosso e ASGI.

Siamo presenti con tre team mobili:

  • in Sicilia nelle province di Messina, Catania, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta
  • in Liguria, a Ventimiglia.

I team mobili composti da operatori socio-legali e mediatori culturali sono in grado di intervenire rapidamente nei luoghi in cui viene segnalata la presenza di migranti vulnerabili e richiedenti asilo esclusi dal sistema di accoglienza e di protezione.

Le persone in condizione di marginalità sono raggiunte dai team mobili con attività di primo contatto su strada e ricevono assistenza immediata attraverso:

  • l’informativa legale per metterli a conoscenza dei loro diritti e obblighi secondo il quadro normativo italiano ed europeo e permettere loro di scegliere in maniera consapevole per il proprio futuro;
  • l’orientamento ai servizi di base e specialistici disponibili sul territorio secondo un approccio olistico sulla base della mappatura realizzata nelle diverse province.

Oltre all’aiuto ricevuto direttamente dai team mobili di Oxfam, i migranti possono beneficiare di supporto da parte delle organizzazioni partner in vari settori.

L’assistenza legale gratuita è offerta dagli avvocati di Borderline in Sicilia e dai consulenti legali e di ASGI a Ventimiglia.

La Diaconia Valdese supporta l’attività del team mobile a Ventimiglia e offre una degna accoglienza temporanea e servizi di inclusione per i richiedenti asilo esclusi dal sistema presso una struttura dedicata a Pachino, provincia di Siracusa.

A Palermo l’orientamento legale e ai servizi sono forniti dallo sportello “sans papiers” nel community centre di ARCI Porco Rosso nel quartiere di Ballarò.

Avvalendosi della specializzazione dei partner di OpenEurope in diversi ambiti, il programma ha organizzato inoltre incontri di formazione multi-disciplinare rivolti agli addetti del sistema di accoglienza per minori e adulti. Le formazioni hanno avuto la finalità di migliorare l’assistenza che i richiedenti asilo e minori non accompagnati ricevono all’interno dei centri di accoglienza mediante il rafforzamento delle conoscenze di operatori e mediatori in ambito legale, della mediazione culturale, del riconoscimento precoce di traumi estremi di persone sopravvissute a violenza, trattamenti inumani e degradanti.

L’intervento umanitario di Oxfam combina le attività di protezione sul campo con quelle di advocacy e comunicazione a livello nazionale e internazionale, al fine di diffondere la conoscenza dei diritti dei migranti tra i cittadini europei e le istituzioni, sensibilizzare gli attori coinvolti nella gestione del fenomeno migratorio ed influenzare positivamente le politiche sulle migrazioni.

Accoglienza minori stranieri non accompagnati

Dal maggio 2017, in partenariato con la Cooperativa Utopia, Oxfam gestisce “La casa di Ismail”, una comunità di seconda accoglienza per minori stranieri non accompagnati a Barcellona Pozzo di Gotto (Me). La comunità svolge attività di accoglienza e integrazione dei minori affidati dal Servizio Centrale di protezione per richiedenti asilo e rifugiati Anci-Ministero dell’Interno. Il progetto finanziato con il Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 dell’Unione Europea e del Ministero dell’Interno specificamente per il “Potenziamento della capacità ricettiva del sistema di seconda accoglienza dei Minori Stranieri non Accompagnati (MSNA)” durerà 25 mesi e accoglierà 12 minori maschi alla volta.
Le principali attività che vedono coinvolta Oxfam sono mediazione, integrazione, laboratori formativi e ricreativi.

Inoltre a partire da metà agosto, Oxfam gestirà uno Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) dedicato specificatamente ai minori stranieri non accompagnati a Messina, che potrà ospitare 12 minori.

Community center per la lotta alla povertà

Dal 1 aprile 2017, nell’ambito del programma nazionale di lotta alla povertà in Italia, a Catania Oxfam e Diaconia valdese gestiscono un community center: un centro che garantisce ascolto, rilevamento dei bisogni, orientamento e supporto a tutte quelle persone (italiane e richiedenti asilo) non ancora prese in carico dai servizi istituzionali, la cui situazione, senza un aiuto, è destinata ad aggravarsi e che invece è possibile aiutare concretamente. Alcuni dei servizi offerti sono doposcuola ai bambini, sostegno alle neomamme, corsi di formazione ai disoccupati e informazioni per accedere ai servizi sociali e alle agevolazioni fiscali.

Le principali attività che vedono coinvolta Oxfam sono corsi di alfabetizzazione, sostegno scolastico, mediazione (a Catania e provincia).

Alternanza scuola lavoro

E’ stato firmato un protocollo con alcuni licei di Milazzo per impiegare i loro studenti, nel periodo aprile – agosto 2017, presso il nostro ufficio e le nostre strutture di accoglienza, in collaborazione con la Cooperativa Utopia.