Migranti, nel Chianti un esempio positivo contro lo sfruttamento