YEMEN, UNA CATASTROFE UMANITARIA SENZA FINE

Oltre 17 milioni di persone non hanno cibo, sono stremate da fame, malattie e guerra.

DONA ORA
45 - Video, Content and Left List

SPESSO I MIEI FIGLI VANNO A DORMIRE A STOMACO VUOTO

Ali vive ad Hajjah, 127 km dalla capitale Sana’a, con i suoi due figli piccoli che soffrono entrambi di malnutrizione.

“I miei figli che spesso vanno a dormire a stomaco vuoto…non mangiare e non riuscire a bere acqua buona li fa stancare e ammalare… io non so come fare perché non ho abbastanza soldi per portarli in ospedale”.

Abbiamo incontrato tante famiglie che non riescono a sfamare i propri figli e soffrono la fame. La situazione oggi è disperata. 

Hanno bisogno di cibo, acqua e pace.

33 - L - Icon Boxes with Heading and button

LA SITUAZIONE È DRAMMATICA

OLTRE 20 MILIONI DI PERSONE

non hanno accesso a fonti d’acqua pulita.

OLTRE 17 MILIONI DI PERSONE

sono senza cibo e, in alcune zone delle Yemen, un bambino su 5 è gravemente malnutrito e senza aiuto

18 MILIONI DI PERSONE

non hanno accesso all’assistenza sanitaria di base

34 - L -Image Boxes with Heading
5 - Full width (title + content)

LA PIÙ GRAVE CRISI UMANITARIA DEI NOSTRI TEMPI

Da quando la guerra è cominciata, 7 anni fa, le condizioni di vita della popolazione sono precipitate drammaticamente.

Le città sono distrutte, la popolazione decimata, le fonti d’acqua potabile non esistono più. Gli impianti idrici vengono continuamente bombardati e solo metà delle strutture sanitarie sono funzionanti, aggravando così il rischio di contrarre malattie come tifo, dissenteria, Covid-19. ma anche il colera, che rischia una nuova impennata di contagi, dopo l’epidemia che provocò oltre 2 milioni di casi.

Sono morte oltre 370 mila persone – l’Agenzia per lo sviluppo dell’Onu ha stimato che “nel 2021 ogni 9 minuti è morto un bambino con meno di 5 anni” – e più di 4 milioni di persone, di cui la metà minori, sono state costrette a fuggire dalle loro case.

La crisi ucraina ha ulteriormente aggravato la situazione, mettendo in crisi le già ridotte importazioni di grano e olio da cucina. Fino ad oggi infatti lo Yemen importava circa il 42% del grano direttamente dall’Ucraina. La conseguenza immediata è il drammatico aumento dei prezzi, a cui una popolazione senza lavoro e altri mezzi di sostentamento, non può di certo far fronte: 17,4 milioni soffrono già la fame, potrebbero salire a 19 milioni entro la fine dell’anno.

 

5 - Full width (title + content)

CAMPAGNA "SALVIAMO VITE NELLE EMERGENZE"

Oxfam interviene in oltre 30 emergenze nel mondo.

Dalla terribile carestia nel Corno d’Africa, dove quasi 15 milioni di persone soffrono fame e sete, alla nostra risposta alla crisi siriana, dove stiamo aiutando 1,5 milioni di persone, così come in Giordania, nei Territori Occupati Palestinesi, in Libano e in Turchia, fino allo Yemen, dove dall’inizio del conflitto abbiamo garantito a 4 milioni di persone acqua, cibo e servizi igienico sanitari, lavoriamo al fianco delle persone per portare aiuto.

Nel caso dovessimo raccogliere più fondi di quelli necessari per l’emergenza Ucraina, provvederemo a destinare eventuali fondi aggiuntivi ad altre emergenze, laddove il bisogno sia maggiore.
35 - L - Left Graph, Right Content

OGNI EURO DONATO AD OXFAM ITALIA VIENE UTILIZZATO IN QUESTO MODO

Sia le persone fisiche che le aziende possono godere di agevolazioni fiscali per le donazioni effettuate in favore di Oxfam. Conserva la ricevuta del bollettino postale, la contabile bancaria per i versamenti effettuati con bonifico, copia dell’assegno o l’estratto conto per i versamenti effettuati con carta di credito. Ogni anno, a marzo, ti invieremo un riepilogo delle tue donazioni relative all’anno precedente. Per maggiori informazioni contattaci al numero verde 800.99.13.99 oppure scrivici a [email protected]

Agevolazioni fiscali per le donazioni