PERCHÉ L’ACQUA NON SIA MORTE MA VITA, PER TUTTI.

Cessate il fuoco globale

Cessate il fuoco globale #Doves4Peace

#Doves4Peace

**la tua firma**

3,000 firme / 10000

Condividi la petizione

   

2 miliardi di persone sono in trappola tra le bombe e la pandemia del coronavirus.

Il Covid-19 non conosce frontiere e confini, non fa differenza di nazionalità, etnia o credo religioso, colpisce tutti senza distinzioni

Come si può contrastare il covid-19 quando ospedali e strutture sanitarie sono già distrutti o vengono bombardati in questo momento?

Chiediamo al Governo che l’Italia 

 

  • Si impegni per far crescere il numero degli stati aderenti ad un cessate il fuoco globale.
  • Sospenda tutte le vendite e i trasferimenti di armi alle parti in conflitto che non stanno aderendo al cessate il fuoco.
  • Incrementi l’impegno finanziario a sostegno del Piano Globale di Risposta Umanitaria delle Nazioni Unite.
Quando l’acqua viene a mancare, vengono meno la vita e la dignità della persona.

La situazione è drammatica

Da quando è iniziata l’epidemia, tutto è bloccato, non possiamo uscire, incontrarci, lavorare. Tutto è diventato più difficile e sono spaventato dall’incertezza del futuro e dal virus. Prima del Covid faticavamo a mettere in tavola cibo sufficiente, ora è praticamente impossibile

Gansonré Fatimata, Kaya, Burkina Faso.

Non possiamo più aspettare, dobbiamo chiedere un cessate globale ora.

Ogni giorno che passa il Covid-19 avrà fatto nuove vittime in queste aree già devastate da guerra e violenze.

LA PACE È LONTANA E SI CONTINUA A MORIRE

La tua FIRMA è la loro salvezza, firma per il cessate il fuoco globale.

Oxfam Italia

Oxfam Italia ONLUS

Via Concino Concini, 19
52100 Arezzo
Tel. +39 0575 900416
Fax +39 0575 901423
Codice Fiscale 92006700519

Quattro Ore Contro il Covid

Lavarsi le mani salva la vita

Aiuti emergenza Coronavirus sms

Pasqua 2020

emergenza coronavirus #nonseisolo

EMERGENZA CORONAVIRUS #NONSEISOLO

#nonseisolo

**la tua firma**

6,343 firme / 20000

Condividi la petizione

   

In Italia, paese con uno dei sistemi sanitari nazionali pubblici ancora tra i più performanti e inclusivi al mondo, l’emergenza coronavirus ha portato molti ospedali vicini al collasso e il personale sanitario al limite delle forze, ma cosa può succedere nei paesi più poveri?

In un mondo senza strutture sanitarie e misure adeguate è a rischio la vita di 40 milioni di persone.

Chiediamo ai leader del G20

 

  • Di garantire l’accesso alla sanità gratuito per tutti,  eliminando qualsiasi forma di pagamento in particolare per l’accesso ai test diagnostici e alle cure
  • Di sostenere la diffusione delle pratiche per prevenire il coronavirus, facilitando l’accesso degli operatori umanitari ai luoghi di emergenza e aumentando la fornitura di acqua pulita e servizi igienico-sanitari
  • Di raddoppiare la spesa sanitaria degli 85 paesi più poveri del pianeta, finanziandoli con aiuti e con la cancellazione del debito estero
  • Di assumere e formare 10 milioni di nuovi operatori sanitari, dotandoli dei necessari dispositivi di protezione per loro e per il personale umanitario già attivo sul campo
  • Di rendere vaccini e terapie un bene pubblico globale, assicurandone la piena disponibilità per tutti
Emergenza coronavirus

Nessuno è al sicuro, se non lo siamo tutti

“I leader nazionali sono impegnati in questi giorni in una lotta strenua per portare i propri paesi fuori da una crisi senza precedenti. A tutela della salute di tutti, il G20 deve agire per intervenire nei paesi più vulnerabili e limitare il contagio. Riusciremo a sconfiggere la pandemia solo se agiremo in tutti i paesi e per tutte le persone. Nessuno è al sicuro, se non lo siamo tutti.

Roberto Barbieri (Direttore Generale)

Uniamoci per richiedere un piano di azione globale per sostenere l’accesso gratuito alle cure sanitarie per tutti.

EMERGENZA SANITARIA

1 SU 243

In Italia un medico ogni 243 persone

1 SU 10.000

In Zambia un medico ogni diecimila persone

3 SU 1.000.000

In Mali un ventilatore polmonare ogni milione di persone

La pericolosità del coronavirus:  1 su 5 persone con COVID-19 si ammala gravemente e presenta difficoltà respiratorie, richiedendo il ricovero in ambiente ospedaliero.

Chiediamo ai leader del G20 un’azione coordinata e coraggiosa per salvare migliaia di vite nei paesi più colpiti dalla pandemia e in particolare nei contesti più poveri e vulnerabili.

Oxfam Italia

Oxfam Italia ONLUS

Via Concino Concini, 19
52100 Arezzo
Tel. +39 0575 900416
Fax +39 0575 901423
Codice Fiscale 92006700519

SOS emergenza Coronavirus

Protetto: Aiuti emergenza Coronavirus aziende

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: