Territorio occupato Palestinese

Territorio occupato Palestinese

Il nostro impatto

  • 11 progetti
  • 90000 beneficiari
  • di cui 47% donne e bambini
  • 11 partners

Il contesto

  • 4.8 milioni di persone
  • 25.80% che vivono con meno di 1.90$ al giorno
  • 42% non hanno accesso a riserve d'acqua

Il perdurare dell’occupazione israeliana in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, e a Gaza, la frammentazione politica interna e la recente crisi economica globale hanno portato a un peggioramento delle condizioni di vita della popolazione palestinese e indebolito fortemente la sostenibilità dell’economia del paese.

Da anni Oxfam Italia articola il suo lavoro in Palestina con interventi finanziati da diversi donatori istituzionali e privati nei settori di emergenza, sviluppo e protezione, e promuove uno sviluppo territoriale integrato sostenendo le iniziative imprenditoriali locali e la valorizzazione del sapere tradizionale, rivolgendosi in particolare alle comunità rurali (agricoltori, allevatori e pescatori) perché possano affermarsi dal punto di vista socio-economico, diventando primi attori del proprio sviluppo.

In particolare, in Cisgiordania i nostri progetti sostengono allevatori, agricoltori e donne impegnate nella produzione di latticini e prodotti artigianali con lo scopo di rafforzare l’intera filiera agricola e affermare i diritti del popolo palestinese internazionalmente riconosciuti.

Nella Striscia di Gaza, le nostre attività sono volte a proteggere e migliorare le fonti di reddito delle comunità Beduine, di pescatori e di agricoltori e fornire aiuto umanitario a famiglie colpite da emergenze naturali e causate dall’uomo.

Il programma prevede anche protezione legale alle comunità soggette ad ordini di demolizione e di trasferimento ed attività di advocacy dirette agli stakeholder locali e alla comunità internazionale, per richiedere un maggiore impegno politico volto a rimuovere gli ostacoli che impediscono lo sviluppo delle comunità beduine, per permettere loro di rimanere sulle loro terre con attività tradizionali e per assicurare maggiore giustizia economica.

 

Tipologia beneficiari: allevatori, comunità beduine, produttori, pescatori, donne e comunità più vulnerabili

Tipologia Partner: ONG nazionali e internazionali, centri di ricerca