Acqua

Acqua

Lavoriamo a fianco di milioni di persone delle comunità più vulnerabili del mondo garantendo acqua, servizi igienico sanitari e formazione perché tutti, ovunque, possano godere di questo diritto

Tutti abbiamo il diritto all’acqua potabile: ancora circa un miliardo di persone non ha a disposizione acqua pulita per bere o lavarsi.

Oggi nel mondo 1,6 milioni di persone muoiono per malattie diffuse attraverso l’acqua sporca o per mancanza di igiene.

1 persona su 3 non ha accesso a servizi-igienico sanitari ed è quindi esposta al rischio di epidemie e malattie, come il colera, il tifo, la dissenteria, che in paesi già poverissimi possono fare più vittime della guerra.

Dall’insegnamento delle pratiche base di igiene alla costruzione di semplici sistemi idrici, noi di Oxfam Italia aiutiamo le comunità locali con soluzioni efficaci e poco costose per ridurre la povertà e le malattie.

I nostri kit igienico-sanitari contengono tutto il necessario per l’igiene personale, quali sapone, disinfettanti, bustine potabilizzanti e contenitori per evitare contaminazioni dell’acqua.

Forniamo anche taniche speciali che, grazie a un filtro al carbonio, sono in grado di purificare anche l’acqua più sporca.

Costruiamo pozzi e tubature, ripariamo la rete idrica e distribuiamo acqua attraverso cisterne e autobotti. laddove possibile nei programmi di sviluppo investiamo in nuove tecnologie, quali la costruzione di pompe alimentate a energia solare o, per quanto riguarda l’igiene, l’utilizzo di latrine compostabili, che consentono di risparmiare, tutelare l’ambiente e garantire sostenibilità alle azioni intraprese.

Etiopia

Siamo presenti nel campo profughi di Nnguenyyiel (Gambella) dal 2014 e lavoriamo per garantire ai rifugiati sud sudanesi acqua, salute e igiene tramite un migliore accesso ai servizi e alle infrastrutture e maggiori misure di protezione ed inclusione per donne, bambini e altri gruppi vulnerabili

Libano

Diamo assistenza umanitaria ai rifugiati siriani in Libano dal 2013, occupandoci della fornitura di acqua potabile, costruzione e mantenimento di infrastrutture per la distribuzione dell’acqua e di bagni per le famiglie che vivono negli accampamenti informali di tende o in edifici abbandonati, con particolare attenzione per i rifugiati siriani arrivati di recente.

Repubblica Dominicana

A seguito dell’uragano Irma, che ha colpito la Repubblica Dominicana il 7 settembre, siamo intervenuti per fornire acqua e servizi igienici, contribuendo così alla riduzione del rischio di diffusione di malattie infettive.

Siria

Lavoriamo per ripristinare le infrastrutture idriche, riparando pozzi, trasportando acqua potabile con le autobotti nelle zone che ne sono sprovviste, installando cisterne e garantendo fonti energetiche alternative per far funzionare le pompe durante i periodi di interruzione di corrente.

Sudan

Lavoriamo in Nord e Est Darfur, nei campi per sfollati che accolgono centinaia di migliaia di persone fuggite dal Sud Sudan a causa del conflitto e della carestia. Siamo concentrati nella distribuzione di acqua, kit igienico sanitari e installazione latrine per evitare il manifestarsi e il diffondersi di malattie e nella riabilitazione e manutenzione di punti di accesso all’acqua. In particolare in Est Darfur, copriamo i bisogni principali in termini di acqua e igiene di oltre 65.000 persone all’interno dei campi e nelle zone circostanti, includendo tra i beneficiari, oltre ai rifugiati sud sudanesi, anche la popolazione locale che li accoglie.

Territori Occupati Palestinesi

Forniamo aiuto umanitario alla popolazione più vulnerabile, garantendo in particolare l’accesso all’acqua potabile alle comunità più vulnerabili nell’Area C della West Bank e nella Striscia di Gaza. In Cisgiordania in particolare abbiamo riabilitato la rete idrica e fornito cisterne mobili per il trasporto e lo stoccaggio dell’acqua nelle comunità beduine, mentre a Gaza abbiamo costruito un impianto di desalinizzazione delle acque salmastre, unito a serbatoi per lo stoccaggio e punti di riempimento, che servirà 10.000 persone.