Il Community Center di Arezzo e la sala intitolata ad Alessandra Appiano

Il Community Center di Arezzo

Il Community Center nasce per fornire un aiuto concreto e rispondere alle esigenze di chi si trova in situazioni di fragilitàDalla sua apertura lo scorso gennaio il Community Center di Arezzo, gestito da Oxfam Italia, grazie alla partnership con la Diaconia Valdese, ha risposto ad oltre 1250 richieste di orientamento, ascolto, consulenza e sostegno da parte di persone in difficoltà.

Un punto di riferimento, che sta vedendo una crescita mese dopo mese dell’affluenza di famiglie straniere e italiane da tutta la provincia, che necessitano di informazioni e orientamento perché hanno perso il lavoro, o hanno bisogno di un aiuto concreto per accedere ai servizi sociali ed educativi offerti dal territorio.

Molte delle richieste di aiuto, circa 1 su 3 arrivano da madri e donne in difficoltà. Nato per fornire un aiuto concreto e rispondere alle esigenze di chi si trova in situazioni di fragilità, il Community Center di Arezzo sta diventando così un vero e proprio osservatorio sulle “nuove povertà” in provincia.

I Community Center di Oxfam, aperti assieme alla Diaconia Valdese anche a Firenze, Torino, Milano e Catania, vogliono essere una risposta per chi si trova sull’orlo dell’esclusione sociale, di una povertà aggravata da un contesto di crescenti disuguaglianze economiche e sociali.

Sono centri di ascolto, rilevamento dei bisogni, orientamento e supporto a tutte quelle persone non ancora prese in carico dai servizi istituzionali, la cui situazione, senza un aiuto, è destinata ad aggravarsi e che invece è possibile aiutare concretamente. Combattere la disuguaglianza di opportunità e dare migliore accesso a servizi educativi, sanitari, sociali è cruciale per sconfiggere la povertà: possiamo farlo e dobbiamo farlo presto per uscire dalle situazioni di nuove povertà in casa nostra.

Crescono le richieste per servizi educativi e la ricerca di lavoro

Nei suoi primi 10 mesi di lavoro, il Community Center di Arezzo ha accolto e risposto ai bisogni e alle richieste di oltre 110 famiglieNei suoi primi 10 mesi di lavoro, il Community Center di Arezzo ha accolto e risposto ai bisogni e alle richieste di oltre 110 famiglie per facilitare l’accesso ai servizi educativi, come l’iscrizione a scuole, servizi per l’infanzia e orientamento ai percorsi formativi. A richiedere un sostegno per questo tipo di servizi sono soprattutto famiglie straniere, per la maggior parte di origine pakistana e bengalese, assieme a persone di origine straniera, nate in Italia, che richiedono assistenza per o la regolarizzazione o il rinnovo dei permessi di soggiorno o per l’ottenimento della cittadinanza. Sono molti infatti i ragazzi stranieri di seconda generazione che raggiunta la maggiore età si rivolgono al Community Center per avere informazioni sulla richiesta di cittadinanza al Comune o per il riconoscimento dei titoli di studio ottenuti all’estero.

Circa 150 sono infine le persone in difficoltà economica, che hanno chiesto aiuto e informazioni per la compilazione di richieste di sostegno, integrazione al reddito, rispetto alle opportunità offerte dal territorio. Non mancano poi anche i cittadini italiani che richiedono consulenze per la gestione dei servizi rivolti a cittadini stranieri, soprattutto datori di lavoro o proprietari di immobili.

Orari di apertura e contatti dello sportello di via Piave 5:

Lunedì e mercoledì dalle 9 alle 13 – Martedì, giovedì e venerdì dalle 15 alle 19; mail arezzocenter@oxfam.it – tel.0575-902789

La sala formativa intitolata ad Alessandra Appiano

Una sala del Community Center, dove si svolgono attività di formazione e colloqui con i beneficiari più vulnerabili, è stata recentemente intitolata ad Alessandra Appiano, giornalista e scrittrice recentemente scomparsa, ambasciatrice di Oxfam da sempre al fianco delle donne e dei più deboli.  Alessandra ha conosciuto, raccontato e sostenuto negli ultimi anni il lavoro e l’impegno di Oxfam per sconfiggere la povertà in Italia e in alcuni dei Paesi più poveri del mondo.

Siamo felici di averle dedicato un luogo in cui ogni giorno vengono svolte concretamente attività, che discendono dai valori in cui lei ha sempre creduto.

Campagna sms “Un pezzo alla volta”: grazie

I nostri Community Center sono centri di ascolto, rilevamento dei bisogni, orientamento e supporto

1 persona su 4 in Italia è a rischio povertà. Il 7,6% della popolazione vive in povertà assoluta. Con la campagna sms Un pezzo alla volta, tenutasi dal 5 al 15 maggio 2017, abbiamo voluto far fronte a questa situazione drammatica sostenendo chi non ha più i mezzi per condurre una vita dignitosa e chi rischia di ritrovarsi senza un domani.

Per questo abbiamo creato i Community Center, che abbiamo attivato nelle periferie di Torino, Firenze, Arezzo e Catania, in collaborazione con la Diaconia valdese, per offrire sostegno e riscatto a quanti si trovano in situazioni di fragilità economica e sociale e prevenire la spirale della povertà. I centri sono luoghi aperti, privi di burocrazie e formalità, in cui si offre sostegno, consulenza, mediazione familiare, formazione e tanto altro.

Grazie a più di 31.500 persone che hanno donato via sms o telefono fisso siamo stati in grado di raccogliere circa 121.000 euro, con i quali i centri potranno fornire servizi preziosi quali doposcuola ai bambinisostegno alle neomammecorsi di formazione ai disoccupati e informazioni utili per accedere ai servizi sociali e alle agevolazioni fiscali.

Sfidiamo la povertà in Italia

Il tuo aiuto, un pezzo alla volta, offrirà doposcuola ai bambini, sostegno alle neomamme, corsi di formazione ai disoccupati e informazioni preziose per accedere ai servizi sociali e alle agevolazioni fiscali.

Invia un sms al 45528

1 persona su 4 in Italia è a rischio povertà. Il 7,6% della popolazione vive in povertà assoluta.

Oltre 4 milioni e mezzo di italiani che non possiamo abbandonare. Dal 5 al 15 maggio è possibile aiutarli inviando un sms o chiamando da telefono fisso il 45528.

Il problema: la povertà in Italia

  • Un italiano su 13 non ha cibo a sufficienza, o una casa riscaldata, o vestiti adeguati, mezzi per curarsi, informarsi e istruirsi. E in queste situazione si trova un bambino su 10.
  • Il Sud conferma sacche di povertà assoluta maggiori, sebbene non debbano essere trascurate anche le periferie delle grandi città del Nord e del Centro.
  • Povertà, età e titolo di studio sono strettamente legati: la povertà assoluta infatti diminuisce all’aumentare dell’età della persona e del suo titolo di studio, in un contesto di deterioramento della condizione delle giovani generazioni, a cui l’accesso al lavoro è in molti casi precluso o, quando è poco qualificato, non garantisce salari adeguati a mantenere uno stile di vita dignitoso.
  • La disuguaglianza aggrava la povertà: la sperequazione di reddito fa rilevare come, nell’arco di tempo 1988-2011, il 10% più ricco abbia beneficiato di un incremento di reddito superiore a quello della metà più povera degli italiani.

Leggi il rapporto Italiani povera gente

A cosa serve inviare un sms

Vogliamo far fronte a questa situazione drammatica sostenendo chi non ha più i mezzi per condurre una vita dignitosa e chi rischia di ritrovarsi senza un domani.

Il tuo sms offrirà doposcuola ai bambini, sostegno alle neomamme, corsi di formazione ai disoccupati e informazioni preziose per accedere ai servizi sociali e alle agevolazioni fiscali. Tutto questo grazie ai Community Center, che abbiamo attivato nelle periferie di Torino, Firenze, Arezzo e Catania, in collaborazione con la Diaconia valdese, per offrire sostegno e riscatto a quanti si trovano in situazioni di fragilità economica e sociale e prevenire la spirale della povertà.

Cosa sono i Community Center?

I centri di Torino, Firenze, Arezzo e Catania sono luoghi aperti, privi di burocrazie e formalità, in a cui coloro che si trovano in situazioni di fragilità economica e sociale si offrono:

  • sostegno diretto in ambito educativo a giovani studenti italiani e stranieri e alle loro famiglie;
  • sostegno nei contatti con gli enti pubblici del territorio per reperire informazioni per la casa, i
  • servizi socio-sanitari ed educativi;
  • orientamento lavorativo e percorsi formativi e professionali;
  • mediazione familiare per famiglie a rischio sociale;
  • informazioni in tema di previdenza sociale o di agevolazioni economiche e fiscali;
  • supporto specifico alle problematiche e al disagio dei migranti.

Aiuta le famiglie che vivono in povertà in Italia,
invia ora un sms al 45528

Telefoniche a sostegno della campagna sms