Per la riforma del Trattato di Dublino e del sistema di asilo europeo

Chiediamo la riforma del Trattato di Dublino e del sistema di asilo europeo

Chiediamo ai leader europei che si riuniranno domani e venerdì per il Consiglio europeo in programma a Bruxelles una riforma del sistema di asilo europeo in grado di garantire:

  • la condivisione di responsabilità tra tutti gli Stati membri
  • la tutela dei diritti di chi fugge da guerre e persecuzioni.

In questo momento le persone che cercano riparo in Europa si stanno scontrando con frontiere chiuse, porti chiusi, respingimenti effettuati anche illegalmente come nel caso dei minori a Ventimiglia.

A preoccupare inoltre l’atteggiamento assunto dal Governo italiano nelle ultime settimane rispetto alle operazioni di salvataggio in mare.

Al largo delle coste italiane, intere famiglie oggi sono intercettate e riportate in Libia per ritrovarsi nuovamente vittime degli abusi e delle torture da cui sono scappate, in Grecia restano invece intrappolate in campi sovraffollati con servizi di base del tutto insufficienti.

Vogliamo una prospettiva europea condivisa e solidale e che l’Italia sciolga qualsiasi ambiguità sulla riforma del Trattato di Dublino.

Per questo chiediamo che l’Italia riapra i propri porti alle navi, anche a quelle delle ONG, cariche di persone in fuga dalla Libia. 

European Solidarity

Sosteniamo l’iniziativa di mobilitazione #EuropeanSolidarity, lanciata in tante piazze europee e italiane e sui social network di cittadini e organizzazioni della società civile per chiedere un’Europa più accogliente e solidale.

Oxfam Italia sarà presente alle 18 a Firenze con molte altre organizzazioni nel quadro della manifestazione #Insiemecontroilrazzismo, oltre che a Roma e in altre città italiane.

La campagna Welcoming Europe – Per un’Europa che accoglie

Oxfam sostiene la campagna Welcoming Europe – Per un’Europa che accoglie che ha l’obiettivo di raccogliere 1 milione di firme nei prossimi 12 mesi in almeno 7 paesi membri per.

  • il cambiamento delle politiche europee sui migranti
  • la creazione di passaggi sicuri per i rifugiati
  • la protezione delle vittime di abusi, sfruttamento e violazioni dei diritti umani

Le firme saranno consegnate alla Commissione europea con la richiesta di presentare un atto legislativo di riforma in materia di immigrazione, volto a superare le difficoltà dei Governi nazionali nella gestione dei flussi migratori.

L’UE fallisce a Moria

Grecia - credit Pablo Tosco

Grecia – credit Pablo Tosco

Gli scarsi mezzi a disposizione del governo greco e le forti pressioni dovute all’accordo Ue-Turchia esasperano le condizioni di migliaia di migranti, costretti a vivere in veri e propri luoghi di detenzione. Il campo di Moria è sovraffollato e accoglie attualmente 3.000 persone, di cui 80 sono minori non accompagnati. Il fatto che chiunque non sia siriano non abbia accesso alle procedure di richiesta di protezione internazionale rappresenta un fatto inaccettabile che sgretola il concetto stesso di diritto di asilo.

Il campo di Kara Tepe, dove c’è libertà di movimento e dove è possibile assistere minori non accompagnati, donne incinte e anziani, è pieno, lasciando tutti coloro in stato di grave bisogno di fatto abbandonati nel campo di Moria. Circa 47.000 persone si trovano in campi sulla terraferma, in condizioni estremamente precarie.

Dall’entrata in vigore dell’accordo Ue-Turchia le procedure di registrazione dei nuovi arrivi sono cambiate praticamente ogni giorno, ma le informazioni offerte dalle forze dell’ordine sono scarse e i profughi sono lasciati in uno stato di confusione e frustrazione. Chi ha raggiunto la terraferma vive in una specie di limbo, con scarsa possibilità di accesso alle procedure per fare richiesta di asilo.

Oxfam chiede con urgenza all’Unione europea e al governo greco di garantire sicurezza e dignità alle persone, di fornire adeguate informazioni e la possibilità di richiedere asilo. Chiede inoltre di aprire tutti i centri in cui si trovano i richiedenti asilo, consentendo loro di potersi recare altrove per evitare sovraffollamento e deterioramento delle condizioni di vita nei campi.

“È l’Unione Europea ad aver generato questo caos vergognoso: per questo deve immediatamente porvi rimedio e assicurare il rispetto dei diritti e la dignità delle persone – ha detto Elisa Bacciotti, direttrice Campagne di Oxfam Italia – L’Ue non può ergersi a difesa dei richiedenti asilo fuori dai propri confini e al contempo calpestarne i diritti al suo interno. È un’ipocrisia intollerabile.”

L’accordo Ue-Turchia lascia queste persone totalmente sprovviste di diritti e di sicurezza. Ogni deportazione verso la Turchia deve finire ora ed è necessario garantire a tutti le informazioni necessarie per fare richiesta di asilo secondo procedure trasparenti, chiare e giuste.” ha concluso Bacciotti.

Oxfam lavora in sei campi a Kara Tepe sull’isola di Lesbo, e nella regione nord-occidentale del paese a Katsika, Doliana, Filipiada, Tsepelovo e Konista. Ha sospeso le attività a Moria dopo l’entrata in vigore dell’accordo Ue-Turchia, quando il campo è diventato, di fatto, un centro di detenzione, a causa dell’oggettiva difficoltà di garantire, in quel centro, dignità e diritti delle persone.