COIN INSIEME AD OXFAM CONTRO LE DISUGUAGLIANZE

Oxfam Italia e Coin hanno unito nel tempo le loro forze anche in passato per dar vita a un importante progetto di comunicazione e di raccolta fondi.

Se in passato la partnership con Coin era stata incentrata sui diritti delle donne e sulla loro capacità di costruire un mondo migliore, oggi siamo insieme contro le disuguaglianze e per l’inclusione sociale delle categorie più fragili.

Per il Natale 2020 è stato lanciato il progetto #SENZADISTANZA #REGALOSPERANZA per rafforzare la presenza di Oxfam nel territorio italiano con attività di lotta alla povertà ed inclusione sociale, sanitaria, educativa, e raggiungere un numero sempre maggiore di persone in difficoltà.

La riflessione comune per dare vita a questa campagna è stato che in un momento in cui il distanziamento fisico è dovere di tutti, non deve esistere distanza alla nostra solidarietà. Il messaggio è stato lanciato con il supporto di molti volti noti, che si sono prestati all’attivazione di una maratona solidale online, per aumentare l’impatto dell’iniziativa e l’aiuto ai più fragili, per non lasciare indietro nessuno.

Insieme siamo riusciti a raccogliere 80.000 euro per aiutare chi ha più bisogno.

Con questa raccolta, infatti, aiuteremo le fasce più deboli della popolazione e a rafforzare il nostro intervento nei community center nel territorio Italiano. La crisi economica, sociale e sanitaria che ha colpito il nostro paese ha infatti acuito le disuguaglianze e aumentato incredibilmente la povertà.

 

IN PASSATO

Volto della campagna per l’empowerment femminile invece è stata allora l’attrice Kristin Davis. L’iniziativa era volta a coinvolgere le donne italiane in una rete di solidarietà per sostenere Oxfam a rafforzare il suo impegno in favore di altre donne che nel mondo non hanno diritti, mezzi, potere, cibo. In occasione della festa della donna era stata messa in vendita in esclusiva negli store Coin la collezione di felpe firmate da Alessia Giacobino (Jo No Fui), Stella Jean e Cristina Tardito il cui ricavato era stato destinato ad attività rivolte alle donne che vivono nel sud del mondo, come Sri Lanka e Palestina.
Era stata anche prodotta anche una t-shirt, in edizione limitata, dedicata al personaggio ideato dall’azienda giapponese Sanrio, che aveva generosamente ceduto a Oxfam Italia l’utilizzo gratuito del character. La t-shirt era stata ulteriormente impreziosita di Swarovski.

ABOUT COIN

Coin, la più diffusa catena di Department store in Italia, è presente su tutto il territorio nazionale, all’interno dei più importanti centri storici e nelle principali vie dello shopping, con 35 negozi diretti e 100 store a insegna Coincasa tra Italia ed estero. Con un fatturato di circa 440 milioni sotto insegna, conta 30 milioni di visitatori e 9 milioni di scontrini emessi, un portfolio di più di 1000 brand e una superficie di vendita di circa 106.000 mq. Sotto l’insegna Coin Excelsior, il brand include i premium contemporary department store di Roma Cola di Rienzo, Milano CityLife Shopping District, Milano Corso Vercelli e Trieste Corso Italia.

LIMITED CAPSULE PER OXFAM INSIEME AD ALESSANDRO

Dice Alessandro Enriquez: “non si possono ignorare i disastri intorno a noi. Si deve, e può aiutare, con piccoli o grandi gesti. Una t-shirt, una camicia, una gonna diventano il simbolo di un gesto che ognuno di noi dovrebbe fare. Mi auguro che le raccolte fondi insieme possano alleviare quanto più dolore e aiutare”.
Alessandro è un amico di Oxfam da molto tempo. Insieme abbiamo realizzato numerose iniziative:

Nel 2019 presso Banner Boutique, parte della famiglia Biffi Boutiques, a Milano lo stilista ha realizzato una limited edition di camicie hawaiane prodotte da Tessitura Monti. Per lanciare l’iniziativa e’ stato offerta una serata durante la quale è stata messa in vendita esclusiva la camicia. La limited edition si presentava con 5 diversi pattern, tutti ispirati all’amore. Parte del ricavato è andato a sostenere i progetti di Oxfam, in particolare a favore dei Community Center in Sicilia e così ai bambini e alle loro famiglie che vi si rivolgono per supporti educativi e formativi.

L’anno precedente, nel 2018, lo stilista ha creato una capsule di tshirt. Anche in questo caso il supporto distributivo e’ stato offerto da Biffi Boutiques. In occasione di San Valentino e’ stato stata lanciata l’iniziativa: era possibile fare un regalo abbinato a un gesto d’amore solidale. Con l’acquisto di una tshirt firmata Enriquez era infatti possibile sostenere i progetti di Oxfam e intanto compiere un gesto d’amore verso chi la riceveva.

Lo stilista ha anche supportato le attività di Oxfam con il progetto UglyDolls: sviluppato in collaborazione con CPLG Italy all’interno del progetto Fashion Comics, ha coinvolto importanti brand sotto il denominatore comune della raccolta fondi a favore di progetti umanitari di Oxfam.
Nell’ambito del progetto charity, ogni brand ha creato un outfit unico ed esclusivo per un personaggio di peluche UglyDolls e realizzato una t-shirt, stampata da Camac in edizione limitata. Le creazioni sono state esposte al Pitti Bimbo. Il ricavato derivante dalla vendita dei peluche personalizzati dagli stilisti è stato devoluto a Oxfam Italia.

In linea con l’attività che ha visto lo stilista creativo di capsule dedicate a Oxfam, Alessandro ha disegnato per Oxfam anche delle gonne in esclusiva con tessuti Bonotto. L’intero ricavato della vendita, in una serata speciale presso Banner a Milano, è andato a sostegno dei progetti Oxfam.

Sempre invece nell’ambito delle attività dello stilista in tema “Fashion Comics”, Alessandro ha realizzato per Oxfam alcuni pupazzi Miffy abbigliati dai brand che hanno partecipato all’iniziativa con Pitti che sono poi stati venduti su Charity Star con un’asta benefica per Oxfam.

 

About Alessandro Enriquez
Nel 2004 si laurea in Lettere a pieni voti presso l’Università di Palermo, inizia a viaggiare: vive a Barcellona, Palma de Mallorca e a Londra. Studia Fashion Design negli istituti più prestigiosi d’Europa, Central Saint Martin di Londra e Istituto Marangoni a Milano, dove infine si trasferisce e vive. Terminati gli studi inizia la carriera da stilista, che negli anni lo porta a disegnare per Costume National. Nel 2009 inizia ad insegnare presso lo IED, dove tutt’ora mantiene le sue docenze. Grazie alla sua più grande attitudine, la “comunicazione”, ha collaborato con testate internazionali quali Vogue Bambini, Elle Italia e Marie Claire.