4 Ottobre 2022

IN CAMPO PER L’ACCESSO AI SERVIZI SOCIO-SANITARI DEI CITTADINI STRANIERI A FIRENZE

 

Team mobili stranieri

Oltre 6 mila i cittadini e le famiglie finora raggiunti in città grazie al progetto “Eulim”, realizzato dal Comune di Firenze, Oxfam e tanti partner locali

Facilitare e potenziare l’accesso ai servizi socio-sanitari offerti dal territorio fiorentino per gli oltre 43 mila cittadini stranieri presenti in città, prevenendo situazioni di disagio ed esclusione.  Nasce con questo obiettivo il progetto “Eulim”, che in arabo vuol dire “conoscere”. Promosso dal Comune di Firenze con Oxfam, Asl 10, Società della Salute di Firenze, Cat, Socilab, Nosotras, Consorzio Co&So, Consorzio Metropoli, Centro Studi Sagarà e Rumi Produzioni – grazie al contributo del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione, del Ministero degli Interni e dell’Unione europea.

Un intervento che negli ultimi due anni di pandemia ha consentito di portare un aiuto concreto a oltre 6 mila cittadini e famiglie straniere in un territorio dove rappresentano il 15,1% della popolazione (sopra la media regionale dell’11,5%). Molti, ancora oggi, rischiano di ritrovarsi in una situazione di marginalità. Basti pensare che durante pandemia il 60% dei casi di emergenza abitativa in città riguardavano cittadini stranieri o che circa la metà dei minori in carico ai servizi sociali era di origine straniera.

I principali interventi a fianco di famiglie e studenti stranieri

Tante le iniziative realizzate con l’obiettivo si potenziare e coordinare i servizi per l’integrazione in ambito sanitario, sociale, scolastico e carcerario a beneficio di tutta la popolazione straniera in città: dal percorso di formazione per il rafforzamento delle competenze di oltre 150 dipendenti pubblici e del terzo settore, che lavorano ogni giorno per l’erogazione di servizi; all’introduzione stabile di mediatori linguistico culturali nei servizi sociali, nei distretti sanitari e negli ambulatori medici; alla creazione di un’equipe etno-psichiatrica e di mediazione presso la Casa Circondariale di Sollicciano; alla realizzazione e  distribuzione di video in diverse lingue sulla scuola, destinati alle famiglie straniere; alla redazione di ricerche per fotografare le principali criticità e condizioni di disagio.

Il 6 e 7 ottobre un incontro per guardare a ciò che resta da fare per i servizi di integrazione

Dei principali risultati raggiunti, guardando al futuro delle politiche di integrazione a Firenze, si parlerà il 6 e 7 ottobre. Evento aperto al pubblico e promosso da Oxfam presso la Limonaia di Villa Strozzi (in via Pisana, 77) a Firenze.

Tra gli ospiti gli assessori al welfare e alle politiche giovanili del Comune di Firenze Sara Funaro e Cosimo Guccione, il responsabile dei programmi in Italia di Oxfam Alessandro Bechini, Annagilda Gigliofiorito e Livia Buscaglioni della Società della Salute di Firenze, i sociologi Adel Jabbar e Maurizio Ambrosini, il vice Prefetto, Maria Assunta Rosa, il responsabile delle politiche migratorie del Comune di Ravenna, Paolo Fasano.  Il programma completo: https://www.oxfamitalia.org/wp-content/uploads/2022/10/volantino-eulim-DEF-003.pdf

Lavorare per l’integrazione dei cittadini stranieri nelle nostre città, prevenendo situazioni di marginalità ed esclusione, significa prima di tutto abbattere le barriere linguistiche e culturali che possono portare, ad esempio, una madre in difficoltà a non rivolgersi ai servizi sociali per incomprensione, in qualche caso diffidenza. Non potersi esprimere, farsi capire, può diventare un muro insormontabile.  – spiega Alessandro Bechini, responsabile dei Programmi in Italia di OxfamPer questo motivo è essenziale lo sviluppo di competenze specifiche da parte di operatori pubblici e del terzo settore che lavorano con i cittadini stranieri nell’erogazione dei servizi essenziali. Come pure fondamentale è stabilire un rapporto di fiducia attraverso mediatori culturali che parlino la stessa lingua e conoscano la cultura di provenienza. Tutto questo fa parte del lavoro quotidiano che Oxfam realizza a Firenze e in Toscana in molte “periferie” per l’accesso ai servizi per le persone a rischio pevertà, per l’accoglienza di richiedenti asilo e minori non accompagnati e oggi in aiuto dei profughi ucraini in fuga dalla guerra. Fin da subito abbiamo creduto in un progetto come questo, capace di mettere in sinergia istituzioni e associazioni, fornendo un aiuto concreto a chi – soprattutto in tempo di pandemia – ha rischiato e rischia ancora di restare tagliato fuori”.

“Eulim è un progetto importante in cui crediamo molto come amministrazione comunalehanno detto gli assessori a Welfare e Immigrazione Sara Funaro e alle Politiche giovanili Cosimo Guccioneperché offre ai cittadini stranieri informazioni sanitarie e non, servizi e aiuti concreti per favorire la loro integrazione nella nostra società a livello sanitario, sociale, scolastico e carcerario, cercando così di combattere ed evitare situazioni di marginalità e disagio”.

La risposta di Oxfam per l’accoglienza e l’aiuto ai profughi ucraini in Toscana

Per rispondere all’emergenza degli oltre 10 mila profughi ucraini (soprattutto donne e bambini) arrivati in Toscana, Oxfam ha avviato dallo scorso aprile il progetto “Team mobili per le persone in fuga”, che è attivo a Firenze, Prato, Pistoia (in collaborazione con Co&So Firenze) e ad Arezzo, Livorno e Grosseto.

Un intervento che attraverso il lavoro quotidiano di unità mobili ha già portato un aiuto concreto a circa 210 persone. L’obiettivo è quello di incontrare rifugiati ucraini e di altre nazionalità ospitati in abitazioni private o strutture dove non sono garantiti i servizi minimi per l’orientamento e integrazione o che rischiano di rimanere tagliati fuori dal sistema dei servizi sociali locali e di accoglienza.

Ogni team che si muove sul territorio per individuare i casi di maggiore fragilità, è infatti composto da facilitatori di comunità, persone già in contatto con le famiglie di rifugiati che si occupano della mediazione linguistica e di individuare i casi di maggiore fragilità; operatori legali e sociali che si occupano dell’orientamento ai servizi sanitari e di sostegno psicologico o dell’inserimento scolastico dei ragazzi.

Un lavoro realizzato proprio a partire dalla Toscana, dove Oxfam già si occupa dell’accoglienza e dei percorsi di integrazione di oltre 160 richiedenti asilo nei centri SAI e nei centri per minori non accompagnati – gestiti direttamente o in collaborazione con associazioni partner – a Firenze, Siena, San Casciano, Empoli, Castiglion Fibocchi, Bibbiena, nel Chianti fiorentino e nell’Empolese Valdelsa.

Condividi l’articolo:
oxfam facebook oxfam Twitter oxfam Linkedin

unisciti a noi!

    informativa sul trattamento dei miei Dati Personali e di prestare il mio consenso (che potrò in ogni caso successivamente revocare) all’utilizzo dei miei dati personali.*

    Salva le famiglie del Corno d’Africa da carestie e siccità

    Porta cibo e aiuti

    dona ora