Produttore di formaggio nel sacco, Ljubinje. Credits: Oxfam Italia

Produttore di formaggio nel sacco, Ljubinje

Dal 2 al 20 febbraio ad Arezzo e dintorni si parlerà di formaggio nel sacco, Žilavka, Plavac mali, Kotognata…  Sono solo alcuni dei prodotti tipici provenienti dalla Bosnia  Erzegovina e dalla Regione di Dubrovnik, in Croazia, che saranno presentati al pubblico in occasione di un aperitivo-degustazione venerdì 11 febbraio, alle ore 18:30, presso il Bistrò in Viale L. Cittadini, 11 a Campo di Marte (Arezzo).

Si tratta di un’iniziativa nell’ambito del Programma di cooperazione decentrata SeeNet, e in specifico di un’azione sullo sviluppo del turismo rurale nelle Regioni dell’Erzegovina e Dubrovnik, promossa da Oxfam Italia, Provincia di Arezzo e Regione Toscana.
Il programma pone al centro dell’azione lo sviluppo del territorio in chiave turistica, con l’ obiettivo di creare una Strada dei Vini e dei Sapori tra le regioni dell’Erzegovina e di Dubrovnik, un’offerta turistica innovativa e multisensoriale.



Varie sono le esperienze turistiche possibili: natura, sport, cultura, arte, gastronomia, tradizioni locali e molto altro ancora. Il confronto con le esperienze italiane e il supporto dei partner toscani, in particolare della provincia di Arezzo, ha portato ad attività di formazione e assistenza tecnica per rafforzare le capacità dei soggetti locali sui temi dello sviluppo rurale, del marketing territoriale e dei processi di valorizzazione dei prodotti tradizionali.

Un gruppo di attori locali provenienti dalle due regioni balcaniche lavoreranno dunque per due settimane  alla creazione di una Strada del vino e sapori tra l’Erzegovina e Dubrovnik e verranno in visita ad Arezzo ospitati dalla Provincia di Arezzo e dall’Associazione Strade dei vini Terre di Arezzo.
Durante le due settimane di incontri, visite nel territorio aretino e nelle strade dei sapori delle vicine valli di Valtiberina e Casentino, gli ospiti avranno l’occasione di osservare da vicino il funzionamento delle Strade dei vini e sapori toscane, di interpretare il territorio in chiave turistica e  di assaggiare i prodotti locali.

Attraverso il Programma SeeNet ed altre iniziative di cooperazione decentrata la Regione Toscana, la Provincia di Arezzo e Oxfam Italia dal 2003 contribuiscono allo sviluppo dei territori rurali dell’Erzegovina attraverso la promozione dell’associazionismo tra i produttori ed il miglioramento della qualità dei prodotti agroalimentari tipici. Le solide relazioni di partenariato tra gli enti locali toscani ed erzegovesi sono alla base dell’integrazione tra i risultati ottenuti nel campo agro-alimentare ed i processi di sviluppo del turismo sostenibile in aree rurali, anche attraverso il coinvolgimento della vicina regione di Dubrovnik in un’ottica di sviluppo turistico transfrontaliero.