Chiara Francini

Chiara Francini

Sprint finale per la raccolta fondi di Oxfam, charity partner ufficiale del Giro d’Italia. Ancora due tappe prima della conclusione della campagna Con le donne per vincere la fame. Domani Oxfam sarà presente con i suoi volontari e un portavoce alla partenza dello storico tappone alpino Maniago-Monte Zoncolan. Con l’arrivo di Trieste di domenica 1° giugno si chiuderà poi la corsa a tappe solidale che ha visto tantissimi testimonial darsi il cambio per sostenere Oxfam. A Trieste ritorna, nella duplice veste di madrina della corsa rosa e testimonial di Oxfam, l’attrice Chiara Francini.


Chiara, già presente a Modena e Salsomaggiore, è rimasta contagiata dall’atmosfera del Giro, del quale aveva ammesso di avere soltanto dei ricordi infantili  “Quando avevo dieci anni, nel 1989, il Giro si concluse a Firenze, la mia città, e ho ancora un ricordo netto della premiazione del vincitore a Piazzale Michelangelo”.


L’esperienza “on field” è stata per l’attrice toscana positiva oltre ogni aspettativa: “Sono rimasta molto colpita dalla partecipazione della gente e dalla tranquillità e professionalità dimostrata da tutti i protagonisti di questo gigantesco evento, che è sport e spettacolo insieme”.

“Sono molto felice e onorata di essere la Madrina del Giro d’Italia 2014 – spiega Francini – e  soprattutto di esserlo in rappresentanza di Oxfam, della quale sono convinta testimonial”

“Ricordavo la corsa con affetto perché mi riportava alla mia infanzia, ma non immaginavo che un giorno io stessa avrei consegnato il Trofeo Senza Fine al vincitore del Giro d’Italia”.

Una partnership importante quella tra il Giro d’Italia e Oxfam che ha animato gli Open Village lungo tutto il percorso con l’alternarsi dei tanti testimonial, volti noti dello sport, della musica e dello spettacolo, tutti amici e sostenitori della ong, che non sono voluti mancare per sostenere questa iniziativa che, ricordiamo, è sottolineata da una speciale e inedita dedica riportata sulla manica sinistra delle maglie dei leader delle 4 classifiche: Giro fights for Oxfam.


Ad accogliere ciclisti, appassionati, tifosi, e giornalisti al villaggio di arrivo di tappa, ci sarà il camper messo a disposizione da Laika per Oxfam, che con in propri volontari, testimonial e portavoce animerà l’arrivo con appelli a sostegno della campagna di raccolta fondi. Inoltre presso lo stand dei Fratelli Orsero grazie all’innovativa stazione mobile “Donachiaro” messa a disposizione da Itineris Italia, sarà possibile lasciare un piccolo contributo a sostegno del lavoro di Oxfam.

La campagna Con le donne per vincere la fame
Sostenere una donna vuol dire rafforzare la sua autonomia, il suo potere e le sue competenze; significa aiutare lei e la sua famiglia a uscire dalla povertà e dalla fame.
Con questo messaggio Oxfam, impegnata in oltre 90 Paesi nel mondo al fianco delle donne nella lotta all’ingiustizia della povertà,  lancia la campagna Con le donne per vincere la fame.
Insieme a Oxfam, i protagonisti del Giro d’Italia invitano appassionati e tifosi a donare con un SMS per sostenere 50.000 donne attraverso progetti di cooperazione finalizzati a migliorare la produzione di cibo, l’accesso alle risorse, al credito, a rafforzare la loro capacità di creare e commercializzare prodotti agricoli e artigianali dei loro Paesi (Albania, Bosnia Erzegovina, Cambogia, Ecuador, Marocco e Palestina).
Davide Cassani con Cristina Chiabotto, Ivan Basso e Rigoberto Uran  sono i protagonisti dello spot diffuso in questi giorni .
A loro si aggiunge l’attrice Chiara Francini, madrina  del Giro. Tutti insieme testimonial di questa iniziativa: campioni e appassionati di uno degli sport più amati, per aiutare Oxfam Italia a fare la differenza.
Impegnati anche tu
Sostengono la campagna Con le donne per vincere la fame le seguenti aziende: Autostrade per l’Italia SpA, Centostazioni, Coin, Euronics, Fratelli Orsero, Grandi Stazioni SpA, Laika, Limar, Private Griffe, QVC, RainUp e Santini SMS.