Pagella Scopri il Marchio - settembre 2013

Pagella Scopri il Marchio

Oggi i 31 principali fondi di investimento globali, che gestiscono un portafoglio pari a 1.500 miliardi di dollari, hanno chiesto ai giganti del settore alimentare di migliorare le loro politiche in materia di approvvigionamento e trasparenza. In una dichiarazione pubblica rivolta alle multinazionali dell’agro-alimentare, questi investitori hanno espresso il loro sostegno all’iniziativa di Oxfam Scopri il marchio e chiesto alle grandi aziende dell’agroalimentare di fare di più per ridurre i rischi sociali e ambientali lungo le loro filiere produttive.


La mancanza di trasparenza nell’intero settore alimentare rende difficile per le nostre aziende valutare rischi e opportunità lungo le filiere di produzione – si legge nella dichiarazione promossa da Calvert Investments e sottoscritta da fondi d’investimento come F&C Asset Management, BNP Paribas Investment Partners and Aviva Investors. Tutti i firmatari si sono impegnati a sostenere con le loro pratiche, cambiamenti concreti nel modo di operare delle multinazionali dell’alimentare. “I dati mostrano che c’è molto da fare per garantire progressi in materia sociale e ambientale in tutto il settore dell’alimentare”, prosegue la dichiarazione.

La lettera arriva a sei mesi dal lancio della campagna Scopri il marchio di Oxfam, che classifica le politiche adottate dalle 10 maggiori aziende del settore alimentare, esortandole a modificare le loro politiche per fare in modo che queste abbiano un impatto reale su fame, povertà e difesa dell’ambiente. Oggi Oxfam pubblica un aggiornamento delle pagelle pubblicate sei mesi fa. L’aggiornamento registra un lieve miglioramento delle politiche adottate – in particolare da parte di Nestlè e Unilever (+7%), Coca-Cola (+5%), Danone (+4%), Mars e General Mills (+1%). Tuttavia, nessuna azienda merita più di una scarsa sufficienza.

“La classifica ideata da Oxfam è uno strumento valido, che aiuta le nostre aziende a valutare i rischi esistenti lungo la filiera produttiva, e le misure adottate per mitigare tali rischi – ha detto Steve Waygood, Chief Responsible Investment Officer di Aviva Investors – I primi segnali di miglioramento sono incoraggianti, ma speriamo di vedere azioni più incisive e impegni più ambiziosi in tutto il settore dell’alimentare”, prosegue Waygood.

“Apprezziamo gli impegni presi da alcune delle “dieci sorelle del cibo” ma è importante cambiare passo per combattere davvero fame e povertà – ha detto Elisa Bacciotti, direttrice Campagne di Oxfam Italia – Alcune delle aziende mappate da Oxfam hanno appena iniziato la gara, altre sono fermi ai blocchi di partenza. Ora più che mai, è importante che consumatori e investitori facciano sentire la propria voce”.
“Gli investitori premiano sempre di più quelle aziende che colgono, con coraggio, la sfida della sostenibilità– ha detto Bennett Freeman, Senior Vice President, di Calvert Investments – Le aziende dovrebbero mostrare progressi costanti nella classifica per gestire al meglio rischi e opportunità, specialmente nei mercati emergenti”.

La campagna di Oxfam Scopri il Marchio ha già coinvolto 120.000 persone in tutto il mondo. Per maggiori informazioni