Laboratori Gratuiti Ritrovarsi Altrove

16 Febbraio 2014

Laboratori Gratuiti per giovani con il Progetto Ritrovarsi Altrove alla Casa delle Culture

Ritrovarsi Altrove – Messa in rete e modelli di intervento per il ricongiungimento familiare” è un  progetto della Coop. Oxfam Italia intercultura in partenariato con l’Associazione Migrantes ed il sostegno del Comune di Arezzo e delle Prefettura di Arezzo, finanziato dalla Regione Toscana Settore Politiche per le Persone Immigrate e Interventi per gli individui in condizioni di vulnerabilità DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale.

Il progetto intende sostenere il processo d´integrazione di giovani stranieri di recente arrivo, anticipando gli interventi al momento della richiesta di ricongiungimento da parte dei genitori, creando un sistema di orientamento-accompagnamento multidimensionale per giocare d’anticipo nell’inclusione, coinvolgendo famiglie e comunità autoctona.

Il progetto ha come obiettivo generale quello di migliorare l’inclusione sociale delle fasce vulnerabili di migranti e adolescenti ricongiunti e l’ampliamento delle opportunità di interazione dei giovani migranti all’interno della società ospitante.

Nel mese di Febbraio 2014 verranno attivati i laboratori rivolti a ragazzi migranti ed autoctoni presenti nel nostro territorio dai 14 fino ai 25 anni.
I laboratori sono completamente gratuiti e saranno implementati dalle associazioni del territorio che hanno deciso di collaborare a questo progetto, in particolare: Ass. No Mad e Voci Migranti, Ass. Nausika e LAAV,Ass. Vox Cordis,Ass. Fior di Loto,Orchestra Multietnica di Arezzo,Coop. Dedalus,Ass. Xe’ Thnos,Ass. Segni Concreti.

L’esigenza di attivare laboratori “ludici” rivolti a questo target di ragazzi deriva dal fatto che,molti attori del territorio hanno evidenziato l’esistenza di dinamiche aggregative separate e a carattere etnico dei ragazzi stranieri, nonché l’insufficienza di luoghi e spazi, occasioni e contesti significativi dove i giovani, italiani e stranieri, possono incontrarsi e socializzare.
I giovani hanno l’esigenza di trovare spazi effettivi di espressione, riconoscimento e partecipazione, che permettano di sperimentare e consolidare sia una pluralità di appartenenze sia un’appartenenza condivisa a contesti significativi comuni. Intendiamo offrire opportunità di integrazione e partecipazione sia dei giovani stranieri che autoctoni.

Consulta la brochure