L'Equivoco del Sud

Parlare di Mezzogiorno è diventato perfino noioso: l’impressione è che sia una questione irrisolvibile. Metà degli italiani pensa che al Sud siano stati dati troppi soldi; l’altra metà denuncia l’insufficienza delle risorse e l’incoerenza delle politiche adottate. Al di là di interventi sbagliati, sprechi, incapacità, c’è stato un errore di fondo: condannare il Sud a inseguire il livello di reddito del Nord, a importare modelli estranei alla cultura e alle tradizioni e a sviluppare, di fatto, una dimensione politica di dipendenza. Per spezzare questa logica bisogna introdurre una profonda discontinuità, a partire dalla consapevolezza della natura vera del divario. Il Sud è meno ricco del Nord, ma la distanza più grave è nei diritti di cittadinanza, nella scuola, nei servizi sociali, nella cultura della legalità. È da qui che bisogna ripartire convincendosi che la coesione sociale è una premessa, non un effetto dello sviluppo. E questa riflessione dovrebbe essere applicata non soltanto al “nostro” sud, ma anche, probabilmente, ai molti sud del mondo.

L’Autore, Carlo Borgomeo, è stato dirigente della CISL e direttore di ricerca al CENSIS nell’area lavoro. Ha progettato e gestito gli interventi dell’imprenditorialità giovanile, prima come Presidente del Comitato della legge 44/86, e dal ’94 al Giugno 2000 come Presidente della Società per l’Imprenditorialità Giovanile (IG S.p.A.). Successivamente è stato Amministratore Delegato di Sviluppo Italia sino al febbraio 2002. E’ stato Amministratore Delegato di Bagnolifutura spa dal 2002 al 2007 e dal 2006 consigliere delegato di Fondosviluppo S.p.A. (Confcooperative).
E’ stato docente di economia aziendale presso varie Università e vicepresidente del programma Leed dell’OCSE (Programma per la promozione di sviluppo locale e sviluppo di piccole imprese).
Dal 2009 è Presidente della Fondazione con il Sud.


Oltre all’autore interverranno:
Mario Biggeri, professore di Sviluppo Economico all’Università di Firenze;
Roberto Barbieri, Direttore Generale di Oxfam Italia
al dibattito interverrà anche l’assessore del Comune di Arezzo, Stefania Magi.