Run As One – correre fianco a fianco a chi è fuggito dalla guerra

27 Ottobre 2016

Correre nel cuore di una delle più belle città del mondo, fianco a fianco dei migranti richiedenti asilo accolti in Toscana, contribuendo allo stesso tempo a migliorare la vita delle tantissime persone costrette ad abbandonare la propria casa per sfuggire a guerra e persecuzioni nei più gravi contesti di emergenza. È la sfida che abbiamo lanciato agli appassionati di running, in partnership con la Firenze Urban Trail 2017, attraverso il progetto Run As One.

Clicca qui per le ISCRIZIONI

Sostienici e utilizza i seguenti codici per ricevere sconti:

  • 1 euro di sconto per la 13 km – OXFAMFUT2017KM13 (sia competitiva che non)
  • 2 euro per la 30 km – OXFAMFUT2017KM30
  • 3 euro per la 45 km – OXFAMFUT2017KM45

Quando la passione sportiva diventa strumento di integrazione

Sono quattro i team, per altrettante province toscane Firenze, Livorno, Arezzo e Siena, che stanno iniziando

run proprio in questi giorni la lunga strada di preparazione atletica che li porterà a correre il principale evento di trail urbano d’Italia, i prossimi 4 e 5 marzo.

A comporli, assieme agli appassionati toscani e non di running, che potranno iscriversi fino a pochi giorni prima della gara, proprio i richiedenti asilo ospiti delle nostre strutture nelle quattro province, dove l’associazione umanitaria è al lavoro per l’accoglienza e l’integrazione di oltre 230 migranti.

Un’avventura unica che fino a marzo impegnerà i team in allenamenti settimanali, dove alla passione sportiva si affiancherà la possibilità di condividere storie, esperienze e far sentire in tutto e per tutto chi ha dovuto lasciarsi alle spalle un’intera vita, parte integrante della comunità dove hanno trovato una nuova casa.

 Grazie a questa esperienza stiamo trovando amici italiani e di altri paesi, con cui ci alleniamo e ci teniamo in contatto durante la settimana.racconta S., che ancora minorenne ha lasciato il proprio Paese, arrivando attraverso la Libia in Italia, dove da quasi un anno è stato accolto in Toscana – Quando siamo arrivati ci sentivamo molto soli, ma adesso posso dire di sentirmi un po’ più a casa”.

A coordinare ciascun team sarà un coach-volontario. E a guidare il team di Firenze sarà una sportiva d’eccezione come Antonella Bundu, vincitrice del campionato italiano CSEN Nordic Walking, già testimonial a fianco di Oxfam nell’edizione 2016 della Firenze Urban Trail.

Correre, così come fare trekking, ti dà tempo per stare con te stessa e ti offre l’occasione di riflettere e pensare. – racconta Antonella – ma farlo condividendo storie di vita e speranze con i ragazzi accolti da Oxfam è qualcosa che ti arricchisce in modo straordinario”.

Diventare “social runner” a fianco di chi fugge da guerra e persecuzioni

Correre a fianco di Oxfam la prossima Firenze Urban Trail quest’anno però non sarà solo un’esperienza unica di confronto con culture e storie diverse, perché tutti gli italiani appassionati di running potranno compiere un concreto gesto di solidarietà in sostegno del lavoro realizzato dall’associazione umanitaria nei più gravi contesti di emergenza a fianco di migliaia di profughi e rifugiati:  in Libano e Giordania, dove hanno trovato rifugio milioni di profughi siriani o nell’area intorno al bacino del lago Ciad, tra Nigeria, Camerun, Ciad e Niger, dove hanno cercato salvezza centinaia di migliaia di persone in fuga dai conflitti che lacerano l’Africa occidentale.

Sarà possibile sostenere il nostro lavoro in molti modi: donando un contributo già al momento dell’iscrizione alla Firenze Urban Trail o iscrivendosi ad un prezzo scontato alla gara inserendo un apposito codice indicato sopra. Ma soprattutto una volta entrati a far parte dei running team di Oxfam, potrai  farti sostenere da amici e supporter su retedeldono.it come social runner.

Ciascun runner potrà così scegliere la distanza a lui più congeniale e mettersi alla prova nel suggestivo scenario del centro storico fiorentino: in una inusuale ed affascinante 13 km in notturna o in due gare in diurna, da 30 e 45 km.

Per prendere parte ai team scrivi a firenze@oxfam.it

“Superare le difficoltà e la fatica di una gara sportiva, così come nella vita. E’ questo il tratto comune che lega il social running di Oxfam Italia con la Firenze Urban Trail. Un esempio di come spesso lo sport diventi metafora dell’esperienza quotidiana, specie nel caso dei richiedenti asilo, in cerca di un futuroconclude il responsabile del nostro ufficio attivisti, Lorenzo Ridi – Correre la Firenze Urban Trail a fianco di Oxfam quest’anno significa tendere una mano verso chi ha perso tutto”.