Superati i 5 milioni di rifugiati siriani nei paesi vicini

30 Marzo 2017
Hannan e i suoi figli, rifugiati siriani in un insediamo informale in Libano

Un quarto della popolazione siriana è costretta a lasciare il paese senza speranza di potervi ritornare a causa della guerra.

Superati i 5 milioni di rifugiati nei paesi vicini, sono ormai 2.500 i siriani che in media hanno varcato le frontiere ogni giorno dall’inizio del conflitto verso il Libano, la Turchia, la Giordania o l’Iraq costretti ad abbandonare le proprie case.

La più grave crisi umanitaria dalla Seconda Guerra Mondiale

“La Siria sta perdendo ogni possibilità di riscostruirsi perché i suoi medici, i suoi ingegneri, i suoi insegnanti, i suoi agricoltori sono costretti a fuggire dal Paese per salvare sé stessi e i propri cari” ha dichiarato il dottor Abdolsalam Daif, direttore del Syria Relief and Development (SRD)

“Quando parliamo dei rifugiati siriani, ci immaginiamo i campi gestiti dalle Nazioni Unite – ha aggiunto il dottor Ahmed Tarakji, Presidente in Siria della American Medical Society (SAMS) – La realtà è che al momento soltanto il 10% vivono nei campi. La stragrande maggioranza dei rifugiati siriani vive negli insediamenti informali in Libano, in piccoli e angusti appartamenti in Giordania o in alloggi di prima accoglienza in Turchia.”

“È inaccettabile che la comunità internazionale stia voltando le spalle a cinque milioni di siriani in fuga dall’orrore della guerra. – ha concluso Paolo Pezzati, policy advisor per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia –  Si tratta di un numero di persone superiore alla popolazione dell’Irlanda o della Nuova Zelanda”.

Per questo motivo assieme a tre organizzazioni siriane al lavoro sull’emergenza, abbiamo lanciato oggi un appello urgente alla comunità internazionale – in vista del vertice “Sostenere il futuro della Siria e della regione” della settimana prossima a Bruxelles – affinché venga intensificato l’impegno per rispondere ai crescenti bisogni della popolazione in fuga dalle atrocità.

Cosa facciamo grazie alle donazioni per i rifugiati siriani

Dall’inizio della crisi abbiamo aiutato oltre 2 milioni di siriani fornendo acqua pulita attraverso camion cisterna, riparando reti idriche e pozzi. Abbiamo fornito servizi igienico-sanitari e portato avanti attività di prevenzione di possibili epidemie.

 

Dona Acqua Pulita

 

Nell’immenso campo profughi di Zaatari, in Giordania coordiniamo inoltre il lavoro di potabilizzazione dell’acqua a servizio delle decine di migliaia di persone che qui hanno trovato rifugio.

Abbiamo inoltre aderito al progetto Corridoi umanitari, inaugurato più di un anno fa dalla Diaconia valdese e dalla Comunità di S. Egidio, che ha già portato in Italia 700 rifugiati siriani vulnerabili dal Libano, attraverso una via sicura e grazie a visti umanitari previsti dal diritto internazionale e concessi dal governo Italiano. L’obiettivo è ospitarne 1.000 entro la fine del 2017 in varie città italiane e il primo gruppo di rifugiati che Oxfam ospiterà sarà accolto in Toscana da fine aprile.

Stai al fianco dei profughi siriani #Savinglives

Le scuole riaprono: Oxfam a fianco degli studenti e degli insegnanti

Oxfam in campo a fianco dei docenti e degli studenti toscani, per riportare i ragazzi al centro della comunità scolastica…

Covid-19: metà dei vaccini già venduti a pochi paesi ricchi

Vaccino Covid-19: un piccolo gruppo di paesi ricchi si è già assicurato oltre la metà della futura fornitura globale Un…

Covid-19: la pandemia dei profitti e del potere

400 milioni di posti di lavoro persi, mentre la ricchezza finanziaria di 25 miliardari è aumentata di 255 miliardi di dollari…