5 Settembre 2022

Cosa sta facendo Oxfam a sostegno dei rifugiati ucraini?

 

Sono passati 6 mesi da quando, il 24 febbraio, la Federazione Russa ha iniziato un’offensiva militare in Ucraina. Secondo le stime (al ribasso) delle Nazioni unite si contano 13 mila vittime, dall’inizio del conflitto.

Gli effetti della guerra continuano a devastare la vita delle persone, circa 17 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria nel paese.

Inoltre, la situazione nei paesi confinanti, dove si è rifugiata la maggioranza dei profughi che hanno lasciato il Paese – oltre sei milioni in totale – è ancora drammatica. Fra questi, donne e minori, che necessitano di sostegno psicologico, protezione e tutela dal rischio di tratta e sfruttamento.

Oxfam, assieme a decine di partner, ha già soccorso 700 mila persone in Romania, Moldavia, Polonia e all’interno dell’Ucraina, e sta continuando il proprio intervento di pari passo con la crescita dei bisogni, con l’obiettivo di raggiungere il maggior numero possibile di rifugiati.

Condividi l’articolo:
oxfam facebook oxfam Twitter oxfam Linkedin

unisciti a noi!

    informativa sul trattamento dei miei Dati Personali e di prestare il mio consenso (che potrò in ogni caso successivamente revocare) all’utilizzo dei miei dati personali.*

    Salva le famiglie del Corno d’Africa da carestie e siccità

    Porta cibo e aiuti

    dona ora