Volatilità dei prezzi

10 Ottobre 2011

Volatilità dei prezzi alimentari

Il costo del riso ha raggiunto un picco in Cambogia nel 2008

Quando i prezzi si raddoppiano il cibo si dimezza

Più di 1 su 8 di noi va a letto affamato. Oggi, domani, nel 21esimo secolo. La volatilità dei prezzi alimentari costituisce gran parte del problema. Quando spendi fino al’80% del tuo stipendio per sfamare te e la tua famiglia, spesso realtà quotidiana per i più poveri, anche aumenti minimi possono avere effetti devastanti.

Benché le cause siano multiple e complesse, gli effetti sono dolorosamente semplici: genitori si trovano a dover scegliere, se sfamare sè stessi o i propri figli. Intere comunità devono affrontare un futuro incerto perché l’unica cosa sulla bocca di tutti è come e dove trovare il prossimo pranzo. Come coltivare un futuro più stabile? La maggior parte della soluzione sta nell’affrontarne le cause chiavi. Ma serve anche un modo più efficace per gestire le crisi quando si verificano. Le famiglie povere avranno solo così un posto dove andare quando non possono permettersi neanche quel poco che potevano comprare la settimana prima. Per crescere insieme dobbiamo coltivare maggiore stabilità.

Ecco alcune delle causa delle impennate dei prezzi:

  • raccolti falliti – spesso causati dai cambiamenti del clima – aumentano i prezzi dei generi alimentari;
  • aumento del prezzo del petrolio, utilizzato nei fertilizzanti e per il trasporto del cibo;
  • strategie basate sul biodiesel contribuiscono a togliere cibo dalla tavola per metterlo nei serbatoi.
  • mercati delle materie prime, che sono altamente disfunzionali, e permettono che i prezzi alimentari aumentino più di quanto dovrebbero.

Cosa chiediamo

I grani che contadini in Etiopia hanno potuto risparmiare Credit Sara Livingston/Oxfam America

Chiediamo ai governi di agire urgentemente per:

  • stabilizzare i mercati globali
  • concordare regole per una maggiore trasparenza e responsabilità
  • fermare la speculazione eccessiva, rifomare quelle politiche che trasformano i cereali in biocarburanti
  • aumentare l’investimento in sicurezza alimentare e adattamento climatico nei paesi in via di sviluppo.