Zimam, una donna che non si è arresa ai cambiamenti climatici

10 Giugno 2020
Zimam, una donna che non si è arresa ai cambiamenti climatici

Ziman Girmay, agricoltrice, Etiopia - Credit: Petterik Wiggers / Panos for Oxfam America

Zimam Girmay, agricoltrice, Etiopia

Zimam Girmay, agricoltrice, Etiopia – Credit: Petterik Wiggers / Panos for Oxfam America

Etiopia, regione del Tigray.

Quando Zimam Girmay ha bisogno di acqua va nel cortile di casa e riempie l’annaffiatoio dalla cisterna che prende acqua dal sistema di raccolta sul tetto costruito grazie al contributo dei nostri donatori.

Ci dice: “La cisterna si riempie durante la stagione delle piogge e posso usare l’acqua per sei mesi durante la stagione secca”.

Zimam ha 58 anni, è una mamma sola con 7 figli.

Ricorda soddisfatta: “Nel 2011 ho partecipato al progetto di Oxfam, ho frequentato dei corsi di formazione agricola ed ho iniziato a coltivare frutta e verdura“.

Zimam Girmay, agricoltrice, Etiopia

Zimam – Credit: Petterik Wiggers / Panos for Oxfam America

Zimam coltiva lattuga, peperoni, pomodori, cavolo e papaya. Ha inoltre imparato a fare il compost.

Ci racconta che la sua vita è migliorata: “Prima ci volevano due ore per andare e tornare da prendere l’acqua, adesso ho più tempo per occuparmi dell’orto. La nostra dieta è cambiata, mangiamo verdure diverse ogni giorno, posso vendere i miei ortaggi al mercato e ho potuto comprare un asino”.

È fiera di avere raggiunto un’autonomia e che la sua famiglia sia più forte e indipendente: “Mio figlio mi aiuta, adesso ha un lavoro“.

 

Gli effetti dei cambiamenti climatici sono devastanti: in Etiopia, a causa della estrema siccità causata da El Niño, milioni di uomini, donne e bambini soffrono la fame.

Zimam Girmay, agricoltrice, Etiopia

Zimam  – Credit: Petterik Wiggers / Panos for Oxfam America

Le fonti d’acqua sono sempre più scarse, le piante seccano, gli animali muoiono.

Ogni giorno aiutiamo le comunità più vulnerabili che vivono l’impatto di eventi climatici sempre più estremi e frequenti.

Come racconta Zimam: “La mia vita è ricominciata grazie a questo progetto. Negli ultimi cinque anni, ogni anno piove meno. Non è normale. Anche quando piove, non è come sempre“.

In Etiopia e altri 5 paesi in Africa, abbiamo coinvolto più di 85.000 persone per far fronte ai rischi connessi ai cambiamenti climatici.

Il nostro impegno è essenziale per aiutare queste famiglie, c’è ancora molto da fare e potremo fare la differenza nella vita di queste persone solo grazie al supporto dei nostri donatori.