Bosnia Solar panels irrigate the greenhouse

I pannelli solari e la serra

Filipovići è un villaggio vicino Ustikolina, in Bosnia Erzegovina, attraversato da bellissimi torrenti, in cui boschi si stanno tingendo dei colori autunnali.


Jasmina e Nezir Šahović vivon qui. Hanno sei serre in cui coltivano verdure, che poi vendono per vivere. Poco lontano, scorre il torrente da dove pompano l’acqua per innaffiare: 20 metri di dislivello rendono la pompa a carburante uno strumento indispensabile. Fino ad oggi. Quest’anno infatti, grazie a Oxfam, Jasmina, Nezir e altre due famiglie di agricoltori di Filipovići utilizzeranno i pannelli solari per produrre l’energia che serve a mandare la pompa. I 6 pannelli solari ne producono 1 kW, sufficiente per pompare l’acqua dal ruscello fino a una cisterna di 4.000 litri, posta al di sopra delle serre. Dalla cisterna, tramite un sistema di tubi, l’acqua viene mandata alle serre e ai campi esterni.

E’ la miglior cosa che ci potesse capitare!” ci dice Jasmina, mostrandoci entusiasta i pannelli. “Adesso possiamo contare su una fornitura costante di acqua”.
Una serra di 200 metri quadri produce circa una tonnellata di peperoni e altre verdure, anche qualcosa di più, se innaffiata regolarmente. E la famiglia Šehović non ha problemi di vendere i prodotti al mercato.
“Quest’anno abbiamo venduto quasi tutti i peperoni. La gente comprava anche sacchi da 50-60 kg in una volta sola. Le melanzane poi crescevano a dismisura: in questo campo all’aperto, di 400 mq, ne abbiamo raccolte più di due tonnellate”, ci dice Jasmina.
Fino ad ora abbiamo dovuto spendere molto per il carburante per mandare la pompa. Spendevamo circa 500 euro per l’olio e il gasolio a stagione. Grazie a questo sistema, li risparmieremo, e potremo investirli in nuovi campi e sementi. Abbiamo piantato una specie di fragole selvatiche, che daranno frutti fino all’autunno inoltrato, e nuove piante di lamponi per il prossimo anno. Pensiamo poi di costruire un’altra serra”.

Si tratta del primo sistema di irrigazione a pannelli solari in Bosnia Erzegovina. Uno simile a questo, ma di metà potenza, è stato installato a  Bratunac, per irrigare i campi di lamponi.
Le tre famiglie beneficiarie hanno partecipato alla costruzione e all’installazione dei pannelli, che non solo permetteranno loro di risparmiare, ma contribuiranno ad abbattere le emissioni di Co2 di 1200 kg all’anno. Con la minima manutenzione inoltre, l’impianto durerà circa 25 anni e in caso di un surplus nella produzione, l’energia in eccesso potrà essere utilizzata anche per illuminare le abitazioni.

Il progetto fa parte di un programma più ampio denominato “Promozione delle risorse energetiche rinnovabili attraverso il supporto ai piccoli agricoltori in Albania e Bosnia Erzegovina” finanziato dall’IFAD e portato avanti da Oxfam in entrambi i paesi.