Cambogia. Riso e allevamento sfamano gli abitanti del distretto di Svay Leu. Credits: OxfamItalia

Cambogia

Oggi il Comitato per la Sicurezza Alimentare dell’Onu (CSA) si è riunito a Roma per approvare le “Direttive volontarie per la gestione responsabile della terra, dei territori di pesca e delle foreste”. Le direttive sono il primo strumento internazionale per migliorare l’accesso alla terra e ad altre risorse naturali che sono cruciali per assicurare la sicurezza alimentare e i mezzi di sostentamento  di milioni di piccoli produttori e comunità locali. Le direttive sono state sviluppate negli ultimi tre anni attraverso un processo di consultazione inclusivo e stabiliscono una serie di principi e pratiche che i governi e altri attori sono chiamati a rispettare e implementare.

Stéphane Parmentier,  esperto di Oxfam, dichiara:
Riconoscendo i diritti sulla terra dei piccoli produttori, che sono cruciali per nutrire tutti, le direttive sono un importante passo verso un mondo più equo e libero dalla fame. Tuttavia, la crescente competizione per le risorse naturali e l’accaparramento delle terre che continua incontrollato non è il momento di compiacersi. Le direttive devono essere implementate con urgenza sia dai paesi ricchi che da quelli poveri”.

“Le direttive riaffermano i diritti umani di quanti vivono sulla terra e sottolineano in modo chiaro il bisogno di consultare e far partecipare le comunità interessate dagli investimenti sulla terra. Ciò che manca nel testo è una chiara condanna dell’accaparramento incontrollato della terra e di altre risorse naturali

Luca Chinotti, esperto di Oxfam, dichiara:
“Il Comitato per la Scurezza Alimentare (CSA) dell’Onu ha dimostrato di essere l’organo centrale e più accreditato per la governance globale di cibo e agricoltura, affrontando una questione delicata attraverso un negoziato aperto, trasparente e partecipativo. Il CSA ha anche mostrato che le sue modalità di lavoro innovative sono efficaci e nell’assicurare consenso e risultati”

Scarica il comunicato stampa congiunto delle organizzazioni della società civile, inclusa Oxfam, coinvolte nei negoziati sulle direttive sulla terra