Eaetemad Rafallah Abdallah, Egitto.

8 Marzo 2017
La storia di Eaetemad-Rafallah che lotta contro la disuguaglianza

Nel 2004, ha avuto l’opportunità di partecipare ad un corso di formazione sull’artigianato. La formazione le ha permesso di capire l’importanza di migliorare la filiera della lana (una delle poche risorse relativamente disponibili) attraverso tecniche e attrezzature più moderne, ma al tempo stesso mantenendo e valorizzando la cultura e le tradizioni locali.
È presto diventata a sua volta una formatrice nella sua comunità, dove ha contribuito a far capire l’importanza della valorizzazione della cultura beduina, e delle poche risorse disponibili nel deserto, come ad esempio i coloranti naturali, come la curcuma, contribuendo così all’emancipazione femminile nella sua comunità.

Uno dei principali ostacoli che le donne affrontano quando intendono migliorare le proprie conoscenze e avviare iniziative economiche, è legato alle tradizioni locali, che tendono a mantenere le donne sotto il controllo patriarcale.
 
Eaetemad, con la sua forte volontà, l’intelligenza, il coraggio e la motivazione, è riuscita a convincere molti uomini sull’importanza, per le famiglie e la comunità, di permettere alle donne di condurre le attività economiche, e di dare loro maggiore libertà nella gestione del tempo e dei soldi.
Eaetemad ha contribuito a un cambiamento culturale rilevante che ha avuto un impatto positivo sulle condizioni delle donne nella sua comunità, di cui è una leader riconosciuta.

Violenza di genere: in campo per i diritti delle donne nelle crisi umanitarie

Naseej, un intervento contro la violenza di genere in paesi devastati da conflitti e disuguaglianze, come Yemen, Iraq e Palestina…

Finalmente uno stop dall’Italia all’export di armi verso il conflitto in Yemen

Stop all’export di armi verso le parti in conflitto in Yemen: il Governo dia seguito prima possibile al voto espresso…

Sabina Orellana, Ministra delle Culture, della Decolonizzazione e Depatriarcalizzazione

Bolivia: Sabina Orellana, una femminista indigena a capo del Ministero per la Cultura, la Decolonizzazione e la Depatriarcalizzazione.   Lo…