LOTTA ALL’ABBANDONO SCOLASTICO E ALLA POVERTA’ EDUCATIVA: UN’ESTATE INSIEME AGLI STUDENTI TOSCANI

5 Luglio 2021

ttività di supporto all'istruzione nelle periferie toscaneCentinaia di ragazzi coinvolti nelle attività promosse da Oxfam e tanti partner nelle periferie di Firenze, Prato, Empoli e Campi Bisenzio con l’iniziativa “Con il naso all’insù”, alla riscoperta dei linguaggi dell’arte e della cultura toscana con “Artisti Vagabondi” e in viaggio da Empoli a Roma con “C’ero anch’io”.

Dopo un altro anno scolastico difficilissimo per tanti studenti e famiglie, Oxfam assieme ad associazioni e istituzioni toscane mette in campo nelle prossime settimane tante iniziative didattiche e ludiche per non lasciare soli, durante i mesi estivi, i ragazzi nelle periferie di tante città toscane. Luoghi dove la mancanza di servizi e condizioni di disagio socio-economico delle famiglie, possono causare un alto tasso di abbandono scolastico.  In un contesto regionale dove a causa della pandemia si contano oltre 121 mila persone sotto la soglia di povertà, con le famiglie numerose, di cittadini stranieri o con genitori che hanno perso il lavoro che sono le prime ad essere colpite. Mentre a livello nazionale 1,3 milioni di minori sono costretti a vivere in povertà assoluta; una condizione che non risparmia la Toscana.

In campo nelle “periferie” toscane

E proprio per offrire un aiuto concreto alle famiglie più in difficoltà, grazie alla rete dei Community Center del progetto Nessuno Escluso, finanziato dalla Fondazione Burberry, torna per il secondo anno l’iniziativa “Con il naso all’insù”, in partenza in decine di aree verdi e urbane delle periferie di Prato, Empoli, Firenze e Campi Bisenzio, rivolta a bambini e ragazzi dai 6 anni. Una proposta educativa inclusiva pensata proprio in un periodo in cui tanti ragazzi rischiano di rimanere esclusi per motivi socio-economici. Tutti i bambini e i ragazzi presenti nelle aree pubbliche di intervento, potranno infatti accedere gratuitamente e in qualunque momento alle attività, dove saranno accolti da educatori e animatori che assicureranno divertimento in totale sicurezza per intere mattinate e pomeriggi.

  • A Prato, in collaborazione con l’associazione Cieli Aperti e grazie al contributo dell’azienda pratese Capp-Plast, le attività sono realizzate ai giardini “ex Ippodromo” di via Roma e nel quartiere del “Soccorso” (tutti i pomeriggi dalle 17.30 alle 19.30, si alterneranno nelle due aree).
  • A Firenze con gli operatori del Community Center Metropolis, presso i giardini di via Lazio e via Liguria nel quartiere de Le Piagge (il venerdì dalle 9.30 alle 10.30).
  • A Empoli, con l’associazione “Il piccolo Principe”, in piazza Giacomo Matteotti ( il venerdì dalle 10 alle 12).
  • A Campi Bisenzio, in collaborazione con la cooperativa Macramè, presso il parco di via Petrarca, il parco di piazza Aldo Moro, e nei giardini San Donnino, 8 Marzo e Sant’Angelo (tutti i pomeriggi dalle 30 alle 19.30, si alterneranno nelle diverse aree).

“Se il tasso di abbandono scolastico, già prima della pandemia in Toscana coinvolgeva circa 1 studente su 10 e per molti ragazzi può essere l’anticamera dell’esclusione sociale, riteniamo che sia prioritario intervenire nei quartieri dove ci sono meno servizi per giovani e famiglie e i livelli di dispersione scolastica possono essere più alti. – ha detto Sibilla Fillippi, responsabile del progetto “Nessuno Escluso” per Oxfam Italia – Per questo abbiamo organizzato attività gratuite, grazie alle quali ragazzi italiani e stranieri, seguiti da educatori professionali parteciperanno ad attività sportive, di educazione ambientale, giochi, letture di gruppo e individuali. Sarà un modo per i ragazzi di vivere giornate nel verde, fare nuove amicizie, uscire in sicurezza condividendo storie ed esperienze diverse dalla propria.”

“C’ero anch’io”, gli studenti toscani in bici da Empoli a Roma

Le iniziative promosse dai Community Center sostenuti da Oxfam a fianco dei ragazzi toscani continuano con “C’ero anch’io”. Un tour in bici di 300 km in 7 tappe lungo i luoghi storici della via Francigena, realizzato dalle cooperative sociali Macramè e Il Piccolo Principe insieme a Oxfam (con il patrocinio dei comuni di San Gimignano e Monteroni D’Arbia, dell’associazione della via Francigena e il sostegno dei comuni di Campi Bisenzio e Empoli; e in collaborazione con Libera, Legambiente e altre associazioni del territorio come Tandem di pace, Stazione 50013 e Empoli for charity.)

21 studenti e 5 educatori sono infatti partiti stamani da Campi Bisenzio e Empoli alla volta di Roma fino al Ministero dell’Istruzione. L’arrivo è previsto il prossimo 10 luglio.  Un’iniziativa realizzata con l’obiettivo di testimoniare la voglia dei ragazzi di tornare a stare insieme. 

Dopo un anno di isolamento e sedentarietà, gli educatori delle associazioni hanno pensato a una proposta fortemente esperienziale in natura e in movimento. Un progetto formativo che consentirà ai ragazzi partecipanti di sperimentare molti linguaggi: sport, gioco, avventura e socialità. Affrontando nel corso delle giornate anche tematiche importanti e di attualità: il benessere, l’ambiente, la cooperazione, la storia e la memoria, la cittadinanza attiva, la legalità.

Alla partenza stamani a Empoli anche l’assessore allo sport del Comune Fabrizio Buzzi a testimoniare la vicinanza delle istituzioni all’obiettivo perseguito dai ragazzi. Il Sindaco di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi, impossibilitato a partecipare al raduno delle 8.00, ha accompagnato in bici la delegazione campigiana fino a Montelupo.

“Sarà un’esperienza appassionante per i ragazzi che faranno tappa in paesi come San Gimignano, Suvignano, Montichiello, Vivo d’Orcia e il lago di Bolsena, dove saranno accolti e incontreranno le associazioni e gli studenti dei diversi territori che hanno aderito all’iniziativa. spiegano le associazioni promotrici –  Un viaggio nel tempo e nella storia: la via Francigena è una  galassia  di  riferimenti  storici antichi  e  moderni.  Dai resti delle civiltà romana e pre-romana, ai  luoghi  segnati  dai  più  recenti conflitti e le storie della Resistenza. Un’occasione straordinaria per incontrare e condividere racconti ed esperienze, tornando a vivere o scoprire luoghi unici, fuori dalle mura di casa o di scuola”.

L’arte torna in classe, nonostante la pandemia

Con lo stesso spirito di scoperta, dopo la ricca esperienza dell’estate 2020, riparte infine la rassegna “Artisti Vagabondi”, che porterà oltre 200 studenti tra gli 11 e i 17 anni, attraverso tanti laboratori, alla scoperta dei linguaggi dell’arte e della cultura toscana.

Un’iniziativa realizzata con il progetto “Vagabondi Efficaci”, selezionato da “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, grazie all’impegno delle istituzioni culturali regionali e le associazioni culturali toscane.

  • Al centro per l’arte contemporanea L. Pecci di Prato sono in programma 2 laboratori realizzati con la collaborazione dell’associazione Arturo: “Cambio in Stop Motion”, assieme all’associazione Lanterne Magiche e “Body Scores” con Jacopo Jenna, che avrà al centro il concetto di coreografia come pratica estesa oltre la danza.
  • A Capannori i formatori dell’associazione Forium insieme al Teatro di Buti esploreranno invece assieme ai ragazzi il mondo e i linguaggi del video, del teatro e dei fumetti.
  • A Siena, l’Istituto Superiore di Studi Musicali R. Franci propone l’arte delle percussioni, come strumento per un viaggio dentro sé stessi, di costruzione e creazione.
  • A San Giovanni Valdarno con l’Istituto Sangalli per la storia e culture religiose e l’associazione Anelli Mancanti Valdarno si andrà alla scoperta di mondi sconosciuti con TIC-TOC. Un’esperienza formativa che unisce teatro, fotografia e video.
  • A Cecina, infine, l’Associazione Teatrale Pistoiese insieme al Teatro di Buti propone il laboratorio “Creatori di storie”, che avrà l’obiettivo di mettere in scena uno spettacolo che dalla prospettiva dei ragazzi cercherà di interrogarci e rispondere alle grandi domande esistenziali che tutti ci poniamo.

Tutte le performance realizzate dai partecipanti verranno quindi rappresentate ed esposte all’evento finale del progetto “Vagabondi in mostra”, che si terrà al Centro Pecci il 18 luglio.

Per maggiori info e iscrizioni:

https://www.oxfamitalia.org/wp-content/uploads/2021/07/Vagabondi_Efficaci_pacchetto-Estate21_2.pdf