Giornata del Rifugiato a Empoli

Una giornata di eventi per celebrare la Giornata Internazionale del Rifugiato con il progetto Sprar Empolese Valdelsa.

ore 17.30

  • Social Football
  • Social Volley
  • Social basket

(con Centro Giovani Avane e Centro Accoglienza Empoli)

ore 20.00

ore 21.30

Sandro Joyeux in concerto!

Giornata mondiale del rifugiato

Da sedici anni, il 20 giugno il mondo ricorda i diritti di rifugiati e richiedenti asilo. 60 milioni di persone hanno lasciato le loro case a causa di conflitti, soprusi, fame e catastrofi naturali,  costretti a compiere viaggi disperati, a rischiare la loro vita e quella dei loro figli, senza certezze nel presente, alla ricerca di un futuro.

E, una volta raggiunte le coste o le frontiere europee, o i campi per sfollati e rifugiati, rischiano di non vedere riconosciuti i propri diritti – alla sicurezza, a un rifugio, alla libertà dalla fame e dalla malattia.

Da oltre 70 anni, il nostro primo obiettivo è difendere la vita delle persone. Oxfam lavora in Italia  garantendo assistenza e accoglienza ai migranti richiedenti asilo, nei campi e negli insediamenti in formali in Libano e in Giordania a sostegno dei rifugiati siriani, ma anche in Sud Sudan, in Etiopia e nei paesi di provenienza dei migranti per rivolvere le cause che li spingono ad abbandonarli, attraverso programmi di emergenza e sviluppo.

Scopri le nostre iniziative organizzate in occasione della Giornata mondiale del rifugiato:

Street art & charity a CIBUS IN FABULA

E dopo essere entrata a pieno titolo nell’Olimpo delle arti, la street art diventa a Parma inedita protagonista di un’operazione charity organizzata dal Polo fieristico: le opere saranno infatti messe all’asta sul sito www.charitystars.com e il ricavato devoluto a Oxfam Italia.

L’asta partirà il 30 aprile e chiuderà il 20 maggio.

L’esposizione delle 13 tele monumentali di 70 mq, che nei mesi di Expo hanno raccontato il food sulla facciata esterna del padiglione di Federalimentare – Fiere di Parma, mixa di fatto, come in un unico grande affresco, arte e saper fare, tangibile e intangibile.

Da un lato “ il tangibile” ovvero la produzione eno-gastronomica e il saper fare di tutto un territorio unico al mondo, quello parmense. Dall’altro “l’ intangibile” ovvero 13 tappe artistiche, oniriche e creative di un viaggio chiamato Food, che interrogano ora su una equilibrata distribuzione delle risorse economiche nel mondo ( come “Communicating vessels” dell’artista pugliese Agostino Iacurci) ora su un rapporto più responsabile con la natura  ( come “Life and Hope”del collettivo spagnolo Boamistura o Genesi 2.0 dell’italiano Vesod)  oppure sul benessere   alimentare (come “Fast, Gourmet & Light” del tedesco Tasso o “Picture of Health” dell’irlandese Maser ).

Temi diversi raccontati con sensibilità diverse che arrivano da tutto il mondo (Giappone, Irlanda, Spagna, Francia, UK, Russia solo per citarne alcuni) per un unico “affresco globale del Food”. E non è un caso che Felice Limosani abbia scelto i graffiti per rappresentare artisticamente il food. “Il futuro è in mano ai giovani – afferma Limosani –  quale miglior mezzo per far passare concetti come responsabilità, sostenibilità, distribuzione delle risorse, rispetto delle Natura se non con il linguaggio che più consono? Sono soddisfatto che questo messaggio ai giovani riparta da Parma e dal polo fieristico, che hanno affidato ai linguaggi artistici più dirompenti e dissacranti il racconto il food”.

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO
Mostra dal 30 aprile al 22 maggio
Crociera dell’ Ospedale Vecchio
Via D’Azeglio – Oltretorrente
orari di apertura al pubblico dalle ore 10 alle ore 19

Per partecipare all’asta clicca qui