LOTTA ALL’ABBANDONO SCOLASTICO: UN CICLO DI INCONTRI A FIANCO DELLE FAMIGLIE TOSCANE IN DIFFICOLTA’

OXFAM – OPENPOLIS: UN NUOVO CANALE WEB CONTRO LE “FAKE NEWS” CHE GENERANO ODIO

OXFAM: “COLLASSO IN INDIA, ITALIA E UE SI SCHIERINO AL SUO FIANCO CONTRO I MONOPOLI DI BIG PHARMA SUI VACCINI COVID”

OXFAM: “RESPINGIMENTI ILLEGALI E DETENZIONI ARBITRARIE NELLE ISOLE GRECHE”

OXFAM/EMERGENCY: “I GUADAGNI DEGLI AZIONISTI DI BIG PHARMA BASTANO A VACCINARE L’INTERA POPOLAZIONE AFRICANA”

OXFAM: “UNO STOP ALLE SPESE MILITARI PER 26 ORE SALVA DALLA FAME 34 MILIONI DI PERSONE”

NOTA STAMPA: Oxfam ha deciso di sospendere 2 membri del proprio staff all’interno di un’indagine avviata in Repubblica Democratica del Congo

OXFAM: DONA ACQUA, SALVA UNA VITA

Roma, 8/3/2021_Lavarsi le mani in tempo di pandemia è un gesto imprescindibile e vitale per chiunque: eppure ben 2,2 miliardi di bambini, donne, uomini non possono farlo, perché nell’oggi del mondo, 1 su 3 non ha accesso all’acqua pulita, e più di 1 su 2 (ovvero circa 4,2 miliardi di persone) è costretto a vivere senza servizi igienico-sanitari adeguati.

Per assicurare acqua pulita e servizi igienico-sanitari adeguati a quante più persone possibile, prevenendo un’ulteriore diffusione della pandemia in paesi del tutto impreparati, Oxfam Italia – organizzazione che si batte contro l’ingiustizia di povertà e disuguaglianza – lancia la campagna di raccolta fondi DONA ACQUA, SALVA UNA VITA.

Fino al 28 marzo, mese in cui si celebra la Giornata mondiale dell’acqua, si potrà offrire un piccolo, ma prezioso contributo con un SMS solidale o chiamata da telefono fisso al 45584.

Già prima del Covid-19, la carenza di acqua uccideva ogni anno circa 830 mila persone, costrette a bere e lavarsi con acqua sporca o contaminata, con 297 mila bambini sotto i 5 anni – 800 al giorno – colpiti da malattie ed epidemie. Basti pensare che il 50% della malnutrizione infantile era dovuta all’uso di acqua non sicura e servizi igienici inadeguati: 818 milioni di bambini, soprattutto nei paesi più poveri, non avevano neanche la possibilità di lavarsi le mani nella propria scuola.

CLIMA, ULTIMA CHIAMATA: PRONTI A RISPONDERE?

Roma, 16 febbraio 2021 – Evitare lo scioglimento del ghiacciaio dell’Adamello, impedire l’ampliamento di una discarica nella provincia di Catania, costruire una rete locale per la promozione della moda sostenibile in provincia di Firenze, migliorare la raccolta differenziata a Roma e Milano, raccontare con i dati gli effetti sempre gravi ed evidenti del cambiamento climatico nelle nostre città. Queste alcune delle pratiche di attivismo locale che accompagnano la campagna nazionale #2021Ultima chiamata, lanciata oggi da Oxfam Italia insieme a Fondazione Acra, Centro Cooperazione Internazionale, CISP, COPE, Marche Solidali, We World.

“Mai come prima d’ora l’Italia ha l’opportunità e le risorse per agire con convinzione e coerenza. Farlo significa anche partire dalle speranze e dalle proposte di coloro che hanno più da guadagnare da un’inversione di rotta: i giovani del nostro paese.ha detto Elisa Bacciotti, responsabile campagne di Oxfam Italia Specie in un anno come questo, dove l’Italia ha la presidenza del G20 e la co-presidenza della COP delle Nazioni Unite sul clima, ospitando anche la Young COP di Milano il prossimo ottobre. Per questo ci auguriamo che quanti più cittadini possano sostenere il nostro Manifesto e rispondere a questa “ultima chiamata” per un clima migliore”.