Gaza senz’acqua

22 Marzo 2017
Un camion carico d’acqua a Gaza.

In occasione della Giornata mondiale dell’acqua abbiamo pubblicato il rapporto Gaza senz’acqua per denunciare che a due anni e mezzo dal conflitto del 2014, oltre 1,8 milioni di abitanti hanno un limitatissimo accesso all’acqua potabile e a servizi igienico-sanitari.

L’emergenza idrica a Gaza

Il sistema straordinario disegnato dalla comunità internazionale per la ricostruzione post-bellica (il cosiddetto Gaza Reconstruction Mechanism-GRM) non riesce ancora a rispondere ai bisogni dei quasi 2 milioni di abitanti della Striscia “intrappolati” in una delle zone più densamente popolate del mondo.

Il 95% della popolazione – anche solo per bere e cucinare –  dipende dall’acqua marina desalinizzata fornita dalle autocisterne private. A questo si aggiunge un sistema fognario del tutto inadeguato con oltre un terzo delle famiglie che non è connesso al sistema delle acque reflue. Una situazione di carenza idrica di cui fanno le spese soprattutto donne e bambini, che in molti casi sono costretti a lavarsi, bere e cucinare con acqua contaminata e si trovano esposti così al rischio di diarrea, vomito e disidratazione.

Una situazione drammatica, aggravata degli effetti del decennale blocco di Israele sulla Striscia.

Il blocco di Israele sulla Striscia di Gaza

Siamo di fronte a una situazione di “stallo”, nel processo di ricostruzione, considerando che:

  • una lista di ben 2.950 materiali necessari per ricostruire le infrastrutture essenziali per la fornitura di acqua e di servizi igienico sanitari ancora è in attesa di approvazione per poter entrare nella Striscia;
  • solo il 16% dei materiali destinati a progetti di ricostruzione di infrastrutture idriche, sottoposti all’approvazione dell’attuale sistema, hanno passato il blocco imposto dalle autorità israeliane;
  • per la maggior parte dei materiali necessari per le infrastrutture idriche –  che sono ritenuti utilizzabili sia per scopi civili che militari dalla autorità israeliane- si deve attendere tra i 61 e i 100 giorni per il responso di idoneità e poter entrare a Gaza;
  • meno della metà dei progetti per la ricostruzione delle infrastrutture idriche e per l’erogazione dei servizi igienici essenziali, previsti dall’attuale sistema di ricostruzione, sono stati completati.

Cosa chiediamo al governo di Israele:

  • di porre fine immediatamente al blocco sulla Strscia
  • di aprire tutti i valichi da e verso Gaza
  • di rimuovere con urgenza dalla “dual use list” materiali fondamentali per progetti umanitari e di sviluppo.

Cosa chiediamo all’Autorità palestinese e le autorità politiche che de facto controllano Gaza:

  • di dare priorità alla riconciliazione
  • di favorire la comunicazione e il coordinamento tra Gaza e la Cisgiordania
  • di assumere un ruolo di leadership più forte nella ricostruzione e nello sviluppo.
Sostieni l’intervento di Oxfam a fianco della popolazione di Gaza, attraverso la campagna #Savinglives

GLI EFFETTI DEL BLOCCO USA SU CUBA IN PIENA PANDEMIA, APPELLO PER IMMEDIATA SOSPENSIONE

Oxfam ribadisce l’urgente necessità di porre fine alle sanzioni imposte unilateralmente dagli Stati Uniti contro Cuba, inasprite dall’amministrazione Trump e…

Il Parlamento conferma il sostegno alla (cosiddetta) Guardia costiera libica

“Non potremo non dirci complici dei crimini compiuti nei centri di detenzione della Libia.” A seguito del voto in aula…

UNA NUOVA PAGINA DI LOTTA ALLA POVERTA’ NEL CUORE DELLA SICILIA

Presentata stamani a Catania la partenza delle attività del progetto “Sottosopra: Abitare Collaborativo”. Rinasce lo storico Palazzo De Gaetani: associazioni,…