Medio Oriente e Maghreb

12 Ottobre 2014

Medio Oriente e Maghreb

Distribuzione dell'acqua da parte dello staff Oxfam a Gaza, luglio 2014

Oxfam distribuisce acqua agli abitanti di Gaza

Oxfam Italia lavora in Libano, Maghreb e Territori Occupati Palestinesi.

In Libano Oxfam Italia sostiene i rifugiati siriani, rispondendo alle necessità di base e cercandone l’integrazione con la società libanese, attraverso buoni per acquistare in punti vendita locali cibo e generi di prima necessità, contributi per gli affitti e sostegno al lavoro. Lavora inoltre con i bambini, per garantire continuità nell’istruzione, organizzando corsi di recupero, attività ludiche e culturali.

Nei Territori Occupati Palestinesi, fornisce assistenza agli allevatori della Cisgiordania e Gaza attraverso servizi veterinari e distribuzione di mangime, sostiene le donne delle comunità beduine in attività di artigianato e assiste i contadini nella zona cuscinetto di sicurezza imposta da Israele attorno alla Striscia, fornendo sementi e piccoli attrezzi. In seguito alla crisi di Gaza dell’estate 2014, Oxfam Italia è intervenuta a fianco della confederazione portando acqua e generi di prima necessità alla popolazione di Gaza, e si sta impegnando per sostenerla nella ricostruzione.

In Marocco, sosteniamo direttamente le cooperative di donne che raccolgono le piante tradizionali a Errachidia, nel Parco nazionale dell’alto Atlante orientale, rafforzandone le capacità organizzative e manageriali e valorizzando il ruolo dell’agricoltura sostenibile per migliorare l’alimentazione e integrando il reddito delle famiglie.

La valorizzazione dei territori rurali nel Maghreb e la riduzione delle diseguaglianze geografiche risentono di politiche di sviluppo poco sensibili alle questioni del mondo rurale. A questo si aggiungono la scarsa implicazione della società civile nella formulazione di programmi pubblici e la mancata integrazione regionale fra paesi del Maghreb.
Per rispondere a questa problematica, Oxfam Italia e le reti di associazioni locali REMADEL[Réseau Maghrebin d’Associations de Développement Local en milieu rural] e REMESS [Réseau Marocain de l’Economie Sociale et Solidaire] realizzano un progetto co-finanziato dell’Unione Europea (UE 2012/304-554) che ha lo scopo di promuovere la coesione regionale della società civile nel Maghreb per uno sviluppo rurale sostenibile e inclusivo.
Le attività del progetto, centrate soprattutto su Tunisia e Marocco, ma con implicazione di associazioni algerine, includono dei cicli di formazione e il sostegno a iniziative pilota di promozione dei territori rurali, l’animazione di spazi di concertazione a livello locale, gli scambi di esperienze e di buone pratiche, nonché il consolidamento delle due reti di associazioni come strumenti di influenza delle politiche pubbliche.