La locandina dell'evento

Una mostra a cielo aperto di vere e proprie opere d’arte, realizzate dai principali stilisti e brand della moda, che hanno reso grande nel mondo il made in Italy, sui tombini dei marciapiedi milanesi di via Montenapoleone e via Sant’Andrea, due strade tra le più frequentate e conosciute anche all’estero. Si tratta di “Sopra il Sotto” – Tombini art raccontano la Città Cablata, iniziativa culturale, che sarà inaugurata il 24 febbraio, promossa e realizzata da Metroweb, con Oxfam Italia come charity partner, in collaborazione con la Camera Nazionale della Moda Italiana, l’Istituto Marangoni e l’Associazione Montenapoleone. Gli alunni de The British School of Milan sostengono la nostra organizzazione nella promozione dell’iniziativa.


Dopo il grande successo riscosso nelle edizioni precedenti, con l’edizione 2015 “Sopra il Sotto” intende omaggiare Milano, i milanesi e i milioni di turisti che la visiteranno in occasione della Esposizione Universale Expo Milano 2015. Allo stesso tempo, intende contribuire attivamente e in modo significativo ai temi di Expo “Feeding the Planet, Energy for Life”, grazie alla presenza della nostra organizzazione, impegnata in prima linea nella lotta contro la fame e la povertà. Proprio per l’esperienza sui temi dello sviluppo rurale, del diritto al cibo e della gestione sostenibile delle risorse naturali, Expo 2015 stessa ha scelto Oxfam tra i suoi Civil Society partner.


Metroweb, a conclusione dell’esposizione, nel gennaio 2016, metterà all’asta tutti i 24 Tombini Art, al fine di raccogliere fondi preziosi per sostenere la campagna di Oxfam “Con le donne per vincere la fame”. Le risorse raccolte consentiranno alla nostra organizzazione di rafforzare significativamente i progetti sul campo, partendo da attività che vedono come principali beneficiarie le donne.


Sostenerle è uno degli obiettivi strategici di Oxfam perché combattere l’ingiustizia di genere e promuovere la giustizia economica, intesa come possibilità di accesso al cibo, alla terra, alla formazione, e così a un reddito dignitoso, significa dotarle di strumenti concreti per aiutare le proprie famiglie e comunità ad uscire dalla povertà.