Progetto WEMIN: attività conclusive

21 Febbraio 2020
Progetto WEMIN: attività conclusive

Conferenza internazionale ad Atene

La conferenza “Donne in fuga: genere, migrazione e le sfide dell’integrazione nell’Europa di oggi“, organizzata l’8 e il 9 dicembre 2019 dal gruppo di ricerca DAISSy  della Hellenic Open University (HOU), nell’ambito del progetto progetto WEMIN: Migrant Women Empowerment and Integration, ha suscitato l’interesse di studiosi, esperti e professionisti, rappresentanti di autorità, istituzioni nazionali e internazionali, organizzazioni e associazioni, cittadini, attivisti e, più in generale, chiunque sia coinvolto nello studio, nella ricerca e nella pratica nel settore della migrazione, della politica migratoria, dell’empowerment e dell’integrazione sociale dei rifugiati e delle rifugiate.

Durante l’evento sono stati presentati i risultati e gli esiti sono stati presentati durante questa conferenza che ci ha permesso di analizzare le sfide per l’integrazione, le strategie e le migliori pratiche per aiutare le donne nelle loro lotte quotidiane

Stories of change

WEMIN - booklet Stories of changeAl fine di condividere esperienze e divulgare le attività del WEMIN, è stato creato un opuscolo che raccoglie le testimonianze delle donne migranti e rifugiate che hanno partecipato alle attività in tutti i paesi partner. Il libretto disponibile in inglese si chiama “Storie di cambiamento“, progettato da ALDA riporta le voci delle giovani e delle donne.

34 storie toccanti, ispiranti, coraggiose. Storie di cambiamento raccontate da donne migranti e rifugiate che hanno preso parte al progetto.

Leggendo le testimonianze i lettori possono capire meglio cosa hanno passato e scoprire come il progetto WEMIN le ha aiutate sia a livello personale che professionale.

Impatto del progetto

Il progetto WEMIN aveva come obiettivo quello di promuovere l’emancipazione e l’inclusione delle donne migranti e rifugiate. Per raggiungere questo sono stati presi in considerazione tutti gli aspetti della vita sociale delle persone coinvolte: professionale, quotidiana, relazionale ed artistico. Tutti i partner hanno incontrato sfide e difficoltà nella realizzazione di questo progetto. Ad esempio, l’associazione spagnola “Colectic” ha affermato che “ciò che è stato più difficile per noi è raggiungere le donne. In effetti, abbiamo esperienza di lavoro con le migranti e rifugiati, ma la nostra esperienza ci supporta principalmente con gli uomini”.
È necessario tenere conto della specificità di questo pubblico. Le condizioni di vita dei migranti o dei richiedenti asilo non sono le stesse di quelle delle persone regolarizzate, cittadini stranieri da tempo presenti nel Paese. La regolarità all’interno dei corsi è complicata. Inoltre, anche creare un rapporto di fiducia con le donne che partecipano ai seminari è molto importante.
Questo progetto ha anche permesso alle donne di conoscere e rivendicare i propri diritti.

In Spagna, per tutti i partecipanti, esporre pubblicamente il proprio lavoro durante gli eventi organizzati durante la giornata internazionale contro la violenza di genere è stato motivo di orgoglio.

In Germania, le donne migranti e rifugiate hanno appreso i loro diritti e doveri. I membri della IFA Akademie Association ritengono che “La consapevolezza dei diritti delle donne e la conoscenza dei diritti personali hanno mostrato un chiaro impatto sulla vita quotidiana delle donne migranti e rifugiate che partecipano a questi laboratori creativi”.
I seminari creativi sono stati un approccio innovativo, a complemento delle sessioni di tutoraggio e potenziamento. Questi seminari erano molto vari a seconda del paese: fotografia, ricamo, cucina, reciclaggio, attività tessili.
Il partner italiano, OXFAM, ha offerto seminari di cucina. ALDA, il partner francese, ha offerto tre diversi tipi di seminari: ricami e tinture a base di erbe, reciclaggio creativo e fotografia. Questi workshop hanno il vantaggio di consentire alle donne partecipanti di parlare di se stesse e condividere facilmente la propria cultura nonostante le barriere linguistiche. Sicuramente una delle frasi più simboliche è “puoi trovarle ovunque e questo mi porta immediatamente a casa”. Questi momenti di condivisione aiutano a cambiare le percezioni reciproche delle persone.
Questo progetto ha avuto un impatto reale sulla vita delle donne che vi hanno partecipato, ma anche a livello delle autorità pubbliche. Il team WEMIN Portugal,membri dell’Associazione Renovar, e le donne partecipanti hanno organizzato una mostra delle loro creazioni e una presentazione del progetto WEMIN durante la conferenza “A Travessia – Climate Refugees, che futuro? “. Erano presenti il segretario di Stato per le migrazioni, l’ex ministro degli affari interni, rappresentanti delle organizzazioni della società civile, ricercatori e membri della società civile.

Accanto alle donne migranti e rifugiate in Europa

 
 
 
 
WEMIN è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea attraverso il Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF) ai sensi dell’accordo n. 776211.