Unisciti a noi per affrontare lo scandalo del land grabbing!

8 Settembre 2011

Chiediamo alle multinazionali di adottare una politica di tolleranza zero al land grabbing lungo le proprie filiere di produzioneNegli ultimi anni, ricchi investitori da tutto il mondo hanno investito molto nei terreni agricoli a buon mercato nei paesi poveri, spesso per uso commerciale.

Ma in molti casi, il terreno venduto è già utilizzato da famiglie: perché vi abitano, perché ci coltivano il cibo che mangiano o vendono, per mandare i figli a scuola.

Oxfam è a conoscenza di uno di questi casi, in cui decine di migliaia di persone sono state allontanate a forza dalle loro comunità e le loro case.  Aderisci anche tu a COLTIVA, la nuova campagna di Oxfam che promuove e sostiene modi migliori per crescere, condividere e vivere insieme, per costruire un futuro in cui tutti hanno abbastanza cibo, sempre.

Unisciti a noi e aiutaci ad affrontare un problema complicato, grave e difficile. Ti forniremo informazioni con cui, insieme a noi, potrai essere anche tu protagonista nel fermare la pratica del land grabbing e coltivare più giustizia. Per saperne di più sul land grabbing clicca qui.

Si inasprisce la spirale di violenza nella corsa globale alla terra

Il diritto alla terra per gran parte dei popoli indigeni e le comunità di piccoli agricoltori è sempre più un miraggio.

PepsiCo dichiara ‘tolleranza zero’ al land grabbing

La campagna Scopri il Marchio convince PepsiCo ad impegnarsi contro l’accaparramento delle terre nelle proprie filiere.

Coca-Cola dichiara tolleranza zero al landgrabbing

Oxfam convince Coca-Cola a dichiarare tolleranza zero al landgrabbing!