Un barcone di migranti

Un’Europa senz’anima. Inaccettabile l’idea di impedire ai migranti di raggiungere le coste del continente; sconcertante l’incertezza sulla disponibilità alla loro accoglienza; bene i fondi per Triton, ma per impedire nuove stragi serve un’operazione di ricerca e soccorso. Necessario prima di tutto implementare le politiche di accoglienza.


Occasione persa per l’Europa per far fronte alla crisi nel Mediterraneo: le conclusioni emerse dal vertice di ieri a Bruxelles non soddisfano le necessità e i bisogni di centinaia di migliaia di persone in fuga da fame, guerra e povertà. Oxfam considera inaccettabile l’idea di impedire ai migranti la possibilità di raggiungere le coste dell’Europa. Un intervento contrario alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, che servirebbe solo a bloccare enormi masse di disperati sul continente africano, con il semplice effetto di nasconderle alla nostra vista dell’Europa.


Un provvedimento a cui si aggiunge un altro dato sconcertante: permane infatti grande incertezza sulla disponibilità dell’Unione Europea ad accogliere e reinsediare i migranti in arrivo sulle coste del nostro continente. Un punto prioritario da sciogliere al più presto per far fronte agli attuali flussi migratori verso l’Europa. Tanto più se saranno confermate le quote, trapelate durante il vertice, che appaiono irrisorie rispetto alle effettive necessità di accoglienza e alle possibilità dei singoli paesi europei. Oxfam apprezza l’aumento di fondi, ma considera l’operazione Triton non adatta ad affrontare la crisi umanitaria attualmente in corso nel Mediterraneo, che necessita di un’operazione di ricerca e soccorso per evitare nuovi stragi. Quello che risulta chiaro è che la sospensione di Mare Nostrum è stato un errore, soprattutto perché era considerata un’operazione che “attraeva” i migranti verso l’Europa, il che è stato smentito dai fatti, dal momento che con l’operazione Triton, in questi primi 4 mesi del 2015 gli sbarchi sono aumentati (da 20.899 a 21.385). Queste persone partiranno comunque, perché troppo profonde e drammatiche sono le cause che le spingono a farlo. La riduzione delle dotazioni di soccorso rappresenta infatti la principale causa dell’aumento esponenziale delle morti in mare nei primi mesi del 2015.


E’ quindi assolutamente necessario implementare e migliorare prima di tutto le politiche di accoglienza. Oxfam esprime grande preoccupazione riguardo l’ipotesi dei rimpatri “rapidi” dei migranti individuati come irregolari, una misura che potrebbe non considerare, la tutela dei diritti di queste persone e la valutazione dell’effettiva situazione dei loro paesi di provenienza .