I tessuti prodotti da queste donne vengono adesso venduti nelle Botteghe del mondo. Credits: Diego Gerbi/Oxfam Italia

Le donne H'mong impegnate nel ricamo

Mấ Thi So e Thàu Thi Mỷ sono madre e figlia rispettivamente di 52 e 21 anni. Entrambe vivono nel comune di San Xa Ho nel distretto di Sapa, zona di grande richiamo turistico per i suoi paesaggi di montagna e per la suggestiva presenza di comunità indigene. Sin dal primo approccio, guardando i loro affascinanti abiti neri decorati da complessi e colorati ricami, è facile comprendere quanto forte e radicato sia il senso di appartenenza che queste donne hanno rispetto la cultura H’Mong.



Thàu Thi Mỷ spende la maggior parte delle sue giornate lavorando nei campi. Sebbene, le piacesse andare a scuola, ha dovuto interrompere gli studi da giovanissima per supportare la famiglia nei lavori nei campi. Ora è sposata ad ha un figlio di 4 anni. Forse in futuro riuscirà a frequentare la scuola superiore ma al momento le sue capacità economiche non le permettono di realizzare questa sua ambizione. “Una migliore educazione – dice- mi permetterebbe di ottenere un lavoro migliore e certamente più remunerativo”. Anche Mấ Thi So lavora la terra coltivando riso e verdura. Questo è sempre stato il suo lavoro e continua ad esserlo tuttora. Il loro sostentamento e quello della loro famiglia dipende interamente da queste attività. Nel tempo libero, come tutte le altre donne H’Mong, entrambe si dedicano all’arte del ricamo, attività che oltre ad essere estremamente diffusa, rappresenta la più importante modalità d’espressione culturale che hanno. Tale abilità, tuttavia, non è sufficientemente valorizzata e tutelata da permetterne un opportuno sbocco nel mercato. Questo fa si che l’alto potenziale dei loro prodotti rimanga inutilizzato ed inoltre la loro cultura non venga adeguatamente promossa.



Mấ Thi So, inoltre, è  la rappresentante locale del circolo di artigianato, del quale fa parte anche Thàu Thi Mỷ. A proposito del progetto di Oxfam Italia dice: “Il lavoro che Oxfam Italia sta portando avanti è essenziale. Grazie al suo progetto, abbiamo la possibilità di migliorare le nostre capacità artigianali e di vendere i nostri lavori. Ora, i nostri lavori di ricamo ci permettono finalmente di guadagnare qualche soldo in più aiutandoci con le spese di casa. Spero che Oxfam Italia possa lavorare ancora con più artigiani aiutandoli nella stessa maniera in cui sta aiutando noi”.