Condanniamo fermamente i terribili attacchi di Idlib in Siria

5 Aprile 2017
Il popolo siriano subisce terribili sofferenze e gli attacchi sui civili sono la chiara testimonianza del fallimento della comunità internazionale

Condanniamo fermamente i terribili attacchi di Idlib in Siria

“Le immagini di bambini asfissiati dalle armi chimiche sono scioccanti e richiedono un’azione immediata per fermare gli attacchi sui civili. – ha detto il nostro coordinatore umanitario Riccardo Sansone – Ma in realtà, questa ennesima tragedia rappresenta solo l’ultimo esempio delle terribili sofferenze che il popolo siriano subisce dall’inizio del conflitto e che abbiamo sempre denunciato.  L’uso di armi chimiche e gli attacchi sui civili sono la chiara testimonianza del fallimento della comunità internazionale, che non riesce a garantire la protezione della popolazione”.

La tragedia di Idlib allontana la reale applicazione di un cessate il fuoco in Siria, diventato ormai solo un miraggio, come pure la possibilità di ritorno in patria di parte dei rifugiati.

In Siria, ancora oggi, l’accesso agli aiuti umanitari è pressoché precluso a circa 700 mila persone nelle zone sotto assedio.

L’orrore di Idlib richiede un’azione immediata

Lanciamo perciò un appello urgente al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, di cui l’Italia è membro non permanente, affinché venga data piena attuazione alla risoluzione 2209 sull’uso di armi chimiche in Siria e venga avviata un’indagine imparziale per accertare le responsabiltà delle parti conflitto.

LOTTA ALLA POVERTA’ EDUCATIVA: OLTRE 3 MILA STUDENTI ALLA RISCOPERTA DELLA CULTURA E DELL’ARTE TOSCANA

È il risultato di 3 anni di lavoro con il progetto “Vagabondi efficaci” che ha coinvolto 19 scuole di tutta…

GLI EFFETTI DEL BLOCCO USA SU CUBA IN PIENA PANDEMIA, APPELLO PER IMMEDIATA SOSPENSIONE

Oxfam ribadisce l’urgente necessità di porre fine alle sanzioni imposte unilateralmente dagli Stati Uniti contro Cuba, inasprite dall’amministrazione Trump e…

Il Parlamento conferma il sostegno alla (cosiddetta) Guardia costiera libica

“Non potremo non dirci complici dei crimini compiuti nei centri di detenzione della Libia.” A seguito del voto in aula…