Ligia Criollo abita nella Riserva Cuyabeno nell'Amazzonia Ecuadoriana.Credits: Andrea Cianferoni/OxfamItalia

Ligia

Il mancato accesso alle cure, all’istruzione, all’acqua potabile ha un impatto particolarmente grave sull’universo femminile. Le donne svolgono un ruolo cruciale nella gestione dell’economia familiare: a loro spettano cura dei bambini, produzione e preparazione del cibo, raccolta dell’acqua, allevamento degli animali. Non possiamo proporre soluzioni senza ignorarne il ruolo, senza ascoltarne la voce; nel garantire i diritti fondamentali, le risposte devono tener presente il punto di vista delle donne.
A Ligia, come ad altre migliaia in Italia e nel Sud del mondo, abbiamo garantito assistenza e formazione qualificata, ma soprattutto è stata data la possibilità di far sentire la propria voce.

Ligia Criollo, 44 anni, abita nella comunità indigena Siona di Puerto Bolívar all’interno della Riserva Cuyabeno nell’Amazzonia Ecuadoriana. É sposata e ha 5 figli. Ha beneficiato del progetto di raccolta di acqua piovana, igiene e salute preventiva sviluppato in sette comunità indigene che vivono sulla rive del Río Cuyabeno e Agarico .

Quando eravamo bambini potevamo bere direttamente l’acqua dei fiumi che ci circondavano. A quei tempi non esisteva inquinamento e le imprese di estrazione di petrolio non erano ancora arrivate a distruggere l’ambiente dove i nostri antenati hanno vissuto da sempre. Poi con il tempo tutto è cambiato e specialmente i bambini hanno iniziato ad ammalarsi spesso, troppo spesso. L’acqua dei fiumi non era più la stessa ma non avevamo altra scelta che continuare a berla.
Adesso grazie all’appoggio di Oxfam Italia utilizziamo l’acqua piovana. Ci hanno insegnato come trattarla e come mantenere i semplici sistemi di raccolta.
É stato un piccolo aiuto che però ha portato tanti benefici. La salute,  specialmente quella dei bimbi, é migliorata. Sono passati già 4 anni e tutto continua a funzionare perfettamente. Grazie a un piccolo sforzo io e mio marito Jaime abbiamo addirittura installato da soli una cisterna aggiuntiva per poter avere più acqua.”

a cura di Stefania Carrara, Oxfam Italia

Aiuta Ligia e tante altre persone come lei ad avere acqua pulita. Dai il tuo contributo