Terremoto in Nepal, la risposta di Oxfam

25 Aprile 2015
Terremoto in Nepal, la risposta di Oxfam

Nepal, i primi soccorsi. Credits: EPA / Narendra Shrestha

A poche ore dal  forte terremoto che ha colpito il Nepal, Oxfam è al lavoro per una valutazione dei danni e decidere le prime misure d’intervento. Nel frattempo una squadra di esperti è pronta a partire dalla Gran Bretagna per portare via aerea acqua pulita, cibo e kit igienico-sanitari.

Cecilia Keizer, direttore di Oxfam in Nepal ha detto: “La comunicazione è attualmente difficile, le linee telefoniche non funzionano e la mancanza di elettricità non ci consente di ricaricare i cellulari. Non c’è acqua. Il numero delle vittime continua ad aumentare, molte vecchie case sono crollate ma il sisma non ha risparmiato edifici più moderni. Vista la vicinanza all’epicentro, anche Pokhara deve essere stata seriamente colpita. Oxfam sta aiutando con distribuzione di acqua e cibo. La gente è in strada, molto spaventata perché la terra non ha smesso di tremare a causa delle scosse di assestamento”.